Juventus, saltano due teste: due big perdono il posto da titolare

Juventus, due big rischiano di accomodarsi in panchina per le prossime gare dei bianconeri. Il tecnico Massimiliano Allegri non è per nulla soddisfatto di quello che sta vedendo in campo con la sua squadra

Juventus © Getty Images

I tifosi bianconeri, come tutta la dirigenza, calciatori ed allenatore non si aspettavano di certo un inizio così disastroso. Solo un punto nelle prime tre giornate di campionato. Anche se è preso guardare la classifica, quel -8 proprio dal Napoli ed il quart’ultimo posto in Serie A iniziano a preoccupare. Più che altro a far preoccupare è il gioco che nei tre match si è visto a sprazzi: la rimonta subita contro l’Udinese, le sconfitte contro Empoli (interna) e Napoli hanno fatto scattare l’allarme nel club bianconero.

Il patron Agnelli non è per niente soddisfatto e vuole una pronta risposta a partire già dalla prossima gara, quella che vedrà impegnati i bianconeri in Champions League contro gli svedesi del Malmo. Proprio nella trasferta svedese potrebbero verificarsi i primi cambi di formazione visto che, a quanto pare, due calciatori rischiano il posto di titolare e possono accomodarsi in panchina.

LEGGI ANCHE >>> Napoli-Juventus, lite Allegri-Spalletti: i motivi

Juventus, Rabiot e Kulusevski rischiano la panchina

Dejan Kulusevski e Adrien Rabiot © Getty Images

I due calciatori che rischiano grosso sono Dejan Kulusevski e Adrien Rabiot. Anche nella gara in trasferta contro il Napoli non sono stati per nulla impeccabili. Anzi, sono stati considerati i peggiori in campo visto. In Europa potrebbero accomodarsi in panchina, anche con il rientro dei sudamericani che ieri non hanno preso parte alla gara poiché non convocati dal mister livornese.

LEGGI ANCHE >>> Terremoto Juventus, esonero Allegri: parole chiare

Allegri vuole una pronta reazione che ancora non si è verificata. Come ha dichiarato a ‘Dazn’ al termine del match si aspetta una vittoria, in modo tale che: “Quando poi si vince le vittorie arriveranno di conseguenza“.