Esonero in Serie A, due sfide decisive: la panchina scotta

Ancora una sconfitta per la Salernitana di Castori che nelle prossime giornate si gioca le proprie chance di permanenza in panchina. Il rischio è dietro l’angolo 

Serie A esonero © Getty Images

“Da un lato sono rammaricato per il risultato, dall’altro, invece, sono convinto che ci siamo ritrovati, sotto tutti i punti di vista“. Questa la visione ottimistica di Fabrizio Castori dopo il KO interno della sua Salernitana per 0-1 contro l’Atalanta. Ennesima sconfitta in stagione per i campani che stanno vivendo un inizio terrificante con zero punti in quattro gare di campionato con appena 2 gol fatti e ben 12 subiti. Medie da retrocessione che spaventano i tifosi granata e non possono far dormire sogni tranquilli allo stesso Castori. Contro l’Atalanta però la Salernitana ha comunque mostrato grossi passi in avanti, rischiando a più riprese di portare a casa un risultato positivo contro una squadra forte ed esperte come quella di Gasperini.

LEGGI ANCHE >>> Milan, Maldini cerca un esterno: possibile derby con l’Inter

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, sgambetto al Milan: in bianconero più che un’idea

Esonero Castori: il futuro dipende dalle prossime due

Il KO di misura con l’Atalanta offrendo una buona prova dovrà rappresentare il primo passo di una eventuale risalita, per provare ad alimentare le speranze in vista della stagione. Ora servirà mettere a referto anche i primi punti, e lo stesso destino di Castori potrebbe essere strettamente legato alle prossime partite. Prima l’infrasettimanale contro il Verona di Tudor, che ha vinto solo ieri la prima gara del proprio torneo, e poi domenica la partita contro il Sassuolo del giovane Dionisi. Il futuro della panchina di Castori dipende molto dalle prossime due partite, spartiacque importante per scongiurare l’esonero e far partire finalmente la stagione di Serie A della compagine di Salerno. In caso contrario, qualora arrivassero altri due KO, i granata rischierebbero il cambio di panchina.