Esonero o dimissioni Mourinho: spunta una sorpresa

La Roma di Josè Mourinho sta vivendo una prima fase di stagione ben al di sotto delle aspettative. L’ultimo periodo ha messo in discussione anche lo Special One 

Dopo il discreto inizio che aveva anche fatto ipotizzare ad una Roma da scudetto, l’annata dei giallorossi di Mourinho è andata via via ridimensionandosi senza trovare sbocchi particolarmente positivi. In Serie A la compagine capitolina è infatti da un periodo troppo altalenante con non ultima l’inaspettata e rocambolesca sconfitta contro il Venezia prima della sosta. Si è trattato dell’ennesimo passo falso di un inizio al di sotto delle aspettative che ha iniziato a mettere in discussione, quando meno tra i tifosi, anche l’operato di Mourinho.

Esonero Serie A © LaPresse

La gestione della situazione complessa e le tante dichiarazioni forti di Mourinho, in particolare sugli arbitraggi, fanno discutere e il rendimento della squadra per ora non sembra incline a crescere. La Roma è dunque arrivata alla sosta con un corposo numero di interrogativi e la necessità di ritornare presto a brillare.

LEGGI ANCHE >>> Pallone d’oro, svelato in anteprima il vincitore: pioggia di critiche

Calciomercato Roma, Mourinho per ora non rischia ma la quota per l’addio si abbassa

Esonero Mourinho © LaPresse

La prima stagione di Mourinho nella capitale fin qui è inferiore anche all’ultima di Fonseca sia nel confronto in Serie A, dove lo Special One paga uno scarto di cinque punti alla stessa fase del torneo, sia in Europa dove gli attuali giallorossi hanno anche collezionato una magra figura contro il Bodo/Glimt.

LEGGI ANCHE >>> Caos DAZN, la risposta di Sky: cambia tutto

La situazione è ampiamente recuperabile e la posizione sulla panchina di Mourinho non è minimamente in discussione da ambiente e società. Ci sono per i bookmakers che iniziano a quotare l’addio dello Special One in maniera più decisa. La quota su ‘Goldbet’ nei giorni scorsi si è abbassata ancora: l’esonero o le dimissioni di Mourinho sono infatti pagate a 7,00 se avvenute entro il 23 dicembre. Nulla di allarmante se paragonato all’1,07 della permanenza, ma va segnalato che la quota è in ribasso rispetto al recente passato.