Calhanoglu, addio Milan: video social e pioggia di insulti

Calhanoglu ha salutato il Milan tramite un video pubblicato sui social. Pioggia di insulti da parte dei tifosi rossoneri.

Calhanoglu, addio Milan: video social e pioggia di insulti
Hakan Calhanoglu con la maglia della Turchia © Getty Images

Il colpo a sorpresa di mercato, almeno per quanto riguarda questa fase iniziale della campagna di rafforzamento delle squadre, è il passaggio di Hakan Calhanoglu dal Milan all’Inter. Il turco si è accasato all’Inter dopo un corteggiamento lampo da parte dei nerazzurri e dopo aver rifiutato per molto tempo le proposte di rinnovo contrattuale da parte del Milan. Il centrocampista turco andrà coprire il posto che per il momento ha lasciato scoperto Christina Eriksen. I tifosi rossoneri non hanno accettato il trasferimento ai cugini dell’Inter dell’ormai ex numero 10 rossonero. Calhanoglu è arrivato al Milan nell’estate del 2017 quando venne acquistato dai tedeschi del Bayer Leverkusen. Nelle 5 stagioni in rossonero, il centrocampista ha giocato 172 partite trovando la via della rete in 32 occasioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ————–>>> Milan, il colpo a centrocampo che farebbe saltare San Siro

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ————>>> Tradimento Calhanoglu, qual è la reazione di Ibrahimovic

Calhanoglu, addio Milan: video social e pioggia di insulti

Cinque stagioni sono difficili da dimenticare. Lo sa bene Hakan Calhanoglu  che ha deciso di condensare gli anni al Milan con un video pubblicato sui social. Nel filmato  è possibile vedere il centrocampista ringraziare il club rossonero ed anche e soprattutto i propri tifosi. I supporters rossoneri, però, non hanno apprezzato la scelta del loro numero 10 di trasferirsi proprio all’Inter. Nella sezione commenti del video è possibile, infatti, leggere una lunga serie di insulti. Di tutt’altra sostanza, invece, sono i commenti dei tifosi nerazzurri che hanno postato commenti di benvenuto al loro nuovo centrocampista. Il campionato non è ancora cominciato, anzi non è stato ancora sorteggiato il calendario, ma già si respira aria di derby.