È caos su Chiellini: “Deve stare attento”

Giorgio Chiellini ha parlato nei giorni scorsi con delle dichiarazioni importanti sia in ottica Superlega che sulle riforme del calcio. Parole che hanno suscitato scalpore

Hanno fatto discutere molto le recenti dichiarazioni del capitano della Juventus e della Nazionale, Giorgio Chiellini che si è soffermato sia sulla tanto chiacchierata Superlega che sull’impiego del Var. Ai microfoni di ‘Dazn’ ha affermato: “Secondo me il futuro del calcio mondiale va sempre più verso una europeizzazione rispetto ai campionati nazionali. Un giocatore del livello della Juve vuole giocare quelle partite, con tutto il rispetto per gli altri. Negli Usa, dove mi piacerebbe fare un’esperienza, che in questo sono maestri, hanno creato Superleghe in ogni sport. Noi romantici del calcio vorremmo l’abolizione del Var, tornare indietro, col passaggio al portiere, senza fuorigioco, ma il calcio sta andando avanti”.

Chiellini © LaPresse

Tanti gli spunti di riflessione, anche piuttosto forti, lanciati da Chiellini nei giorni scorsi e ripresi sia sui social dai tifosi che da alcuni addetti ai lavori.

LEGGI ANCHE >>> Diritti tv, la mossa di Sky spiazza Dazn: svolta in arrivo

Chiellini nel mirino di Sconcerti: “Quando parla da capitano stia attento”

Chiellini © LaPresse

Le parole di Chiellini fanno discutere e il giornalista Mario Sconcerti sul ‘Corriere della Sera’ ha commentato il tutto sottolineando: “Chiellini piuttosto, quando è nel suo ruolo di capitano, dovrebbe stare attento a quello che dice sul sistema calcio. A nome di quale se stesso parla dei vantaggi della SuperLega? Di giocatore, capitano o dirigente a disposizione dal prossimo lunedì?”. 

LEGGI ANCHE >>> Serie A, esonero e cambio: sorpresa Seedorf in panchina

Sconcerti ha aggiunto: “Perché il peccato della SuperLega non è mai stato esistere, era esistere in un modo per 13 società e in un altro per tutte le altre 700 squadre europee. Mi dica Chiellini, in sintesi: siamo tutti uguali o in 700 servono solo per allenare i ricchi? Questo è il vero inizio per rompere o cominciare”.