Si cambia in porta: Silvestri saluta Udine e fa il grande salto

Calciomercato Serie A, dopo solamente un anno di militanza all’Udinese Marco Silvestri è pronto a difendere un’altra porta rispetto a quella dei friulani. Potrebbe essere proprio lui a prendere il posto dell’attuale portiere titolare del club

Nelle ultime stagioni si è confermato come uno dei migliori portieri della Serie A. Tanto è vero che si è tolto la soddisfazione di parare alcuni calci di rigore e mantenere la porta inviolata in più di una occasione. Come ben potete notare dalla foto stiamo parlando di Marco Silvestri. Dopo quattro anni trascorsi all’Hellas Verona il portiere si aspettava la chiamata di un grande club. Non che l’Udinese non lo sia visto il suo passato anche in Champions League ed in Coppa Uefa di qualche anno fa. I friulani, per sostituire il partente Juan Musso, hanno anticipato la concorrenza delle big che avevano messo gli occhi sul 30enne e gli hanno consegnato le chiavi della porta bianconera.

Marco Silvestri (LaPresse)

Udinese-Silvestri, è già addio dopo un anno?

Questo entusiasmo, però, può terminare alla fine di questa stagione. I club sanno benissimo che l’Udinese di Pozzo sforna tantissimi gioielli. Nonostante l’età avanzata dell’estremo difensore continua a rendersi protagonista nei match. Le sue ottime prestazioni hanno convinto, nuovamente, le grandi squadra a puntare su di lui per il prossimo campionato. Per tanti motivi: il primo è perché ha dimostrato di essere risultato determinante in più occasioni. Tanto è vero che ha provato, fino all’ultimo minuto, di convincere l’attuale commissario tecnico della Nazionale Roberto Mancini a puntare su di lui almeno come terzo portiere. Si sa che negli azzurri la concorrenza, specialmente in quel ruolo, è tanta.

LEGGI ANCHE >>> 20 milioni fanno saltare il banco: Molina va a giocare per lo scudetto

Silvestri, la grande occasione porta alla Capitale

Marco Silvestri (LaPresse)

La possibilità di partecipare ad una competizione europea, in un club, per la prossima stagione è molto alta. Ed è per questo motivo che la Lazio sta pensando di affidargli il ruolo di titolare nel campionato successivo. Nonostante i 28 gol subiti fino a questo momento con la maglia degli scaligeri in 19 presenze (considerando anche che ha mantenuto la porta inviolata in 5 occasioni), l’ex Cagliari ha dimostrato a tutti che può tranquillamente giocare in una grande del nostro campionato.

LEGGI ANCHE >>> ‘Tradimento’ Mandragora, tutto pronto: che colpo per lo scudetto

La situazione portieri in casa biancoceleste è molto delicata. Sia Thomas Strakosha che Pepe Reina non offrono più garanzie. Tanto è vero che il primo, considerato riserva, è stato “scelto” dai tifosi per i continui errori da parte dello spagnolo che è finito in panchina. Nonostante il fatto che a Napoli era uno dei punti fissi di mister Maurizio Sarri.

Previous articleKessie-Juventus a zero? Maldini ha pronta la vendetta
Next articleFederica Pacela, lato B e perizoma in primo piano: “Trova le differenze”