Serie A | Pazienza finita: “Non deve più giocare, mai più in campo”

La partita di Serie A tra Sampdoria e Udinese ha fatto infuriare i tifosi bianconeri verso un giocatore in particolare: scopriamo di chi si tratta nel dettaglio.

Serie A insulti social Walace Sampdoria Udinese non deve più giocare
Serie A © Getty Images

Nel turno di Serie A appena concluso, il match che ha regalato più gol siglati è quello terminato col punteggio di 3-3 tra Sampdoria e Udinese, squadre rispettivamente a quota 6 e 8 punti in classifica, e alle quali serviva una vittoria per allungare sulla zona salvezza.

Quando in un match vi sono 6 reti totali, è logico che qualcosa nei meccanismi difensivi delle due formazioni non sia andato come previsto, e proprio riguardo a ciò diversi utenti social se la sarebbero presa nei confronti di un giocatore dell’Udinese, autore di una prova quantomeno discutibile

LEGGI ANCHE >>> Esonero in Serie A: “È ai saluti. Così retrocede”

LEGGI ANCHE >>> Nandez, a gennaio sarà sfida a tre per averlo

Serie A, che accuse verso Walace: “Non deve più vedere il campo”

Serie A insulti social Walace Sampdoria Udinese non deve più giocare
Walace © Getty Images

Il bersaglio dell’attacco social da parte dei tifosi dell’Udinese è rivolto proprio al centrocampista bianconero Walace. Il giocatore infatti, autore, tra le altre cose, di un retropassaggio killer che è di fatto costato il 2-1 ai suoi, sta disputando un pessimo avvio di campionato, nel quale in ben poche occasioni ha disputato una prestazione sufficiente.

I tifosi friulani, stanchi dall’atteggiamento in campo del classe ’95, hanno speso, via social, queste affermazioni nei suoi confronti: “Walace sbaglia tutto di nuovo ed è da cambiare, non deve essere più titolare“. E ancora: “Ok, però Walace non deve più vedere il campo“. Il centrocampista brasiliano scenderà in campo dal primo minuto anche nella prossima partita del 17 ottobre, in casa contro il Bologna?

Previous articleEsonero in Serie A: “È ai saluti. Così retrocede”
Next articleNapoli primo ma non si placa la polemica: scontro sui social