Home Calciomercato Roma, dalla Premier la chiave per Rui Patricio

Roma, dalla Premier la chiave per Rui Patricio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:57
CONDIVIDI

Olsen torna alla Roma: l’Everton non riscatta il portiere che può essere la pedina giusta per avere Rui Patricio

Rui Patricio Wolverhampton
Rui Patricio © Getty Images

L’Everton ha ufficializzato il mancato riscatto del portiere Olsen che, quindi, torna alla Roma. L’estremo difensore non ha convinto troppo e ora i giallorossi si ritrovano un tassello in più da cedere. Tuttavia, il rientro di Olsen può essere una chiave utile per arrivare al primo della lista dei portieri scelti da Mourinho. Olsen, infatti, potrebbe essere girato ai Wolvers come pedina di scambio per avere il portoghese.  La Roma, del resto, è forte del sì del giocatore che ha già accettato la proposta giallorossa.

Olsen la pedina di scambio

Il costo del cartellino del portiere 33enne dovrebbe aggirarsi intorno ai 6 milioni di euro. Gli stessi che la Roma sperava di ricavare dalla cessione di Olsen all’Everton di Ancelotti. Poi il cambio dell’allenatore con l’improvviso addio di Carlo per rispondere alla prestigiosa chiamata del Real ha cambiato tutto. Ancelotti, infatti, aveva messo gli occhi sul portiere di proprietà della Roma per il suo Everton. Olsen può diventare anche la pedina di scambio di altri portieri che interessano la Roma.

Leggi anche > Tottenham, Conte vuole i big dell’Inter

Musso e Gollini sono i profili principali ma in questo caso bisognerebbe anche elargire una buona somma di milioni, fermo restano che Atalanta o Udinese accettino contropartite.  Solitamente, infatti, questi due club cedono per fare cassa, specie quando si tratta di nomi importanti.

Leggi anche > Inter-Lautaro, si tratta l’addio

Musso e Gollini hanno entrambi valutazioni che si aggirano intorno ai 20 milioni. Più facile chiudere per Rui Patricio che ha già accettato i giallorossi. Intanto in casa Roma dice addio un altro portiere. Si tratta di Antonio Mirante, ormai in scadenza al 30 giugno.

Infortunio Musso
Musso (Getty Images)