Rinnovo Pioli, avanti insieme ma Maldini ha pronta l’alternativa

Calciomercato Milan, l’obiettivo della società è quella di continuare il rapporto lavorativo con mister Pioli. Anche per il tecnico romagnolo c’è questo desiderio. Nel caso in cui dovessero esserci dei problemi durante la trattativa, il direttore tecnico Maldini ha pronta già l’alternativa

Probabilmente nessuno si sarebbe aspettato un inizio di stagione così entusiasmante da parte del Milan. Almeno in campionato visto che l’avventura in Champions League si sta per concludere nel peggiore dei modi, con solamente un punto conquistato nelle prime quattro giornate. L’aritmetica ancora non condanna il ‘Diavolo’, ma per qualificarsi come “seconda” bisogna raccogliere sei punti contro Liverpool (che ha staccato il biglietto per gli ottavi della massima competizione europea) e Atletico Madrid. Impresa da ‘Mission Impossible’, forse molto più complicata di Tom Cruise quando veste i panni dell’agente della ‘Missions Force’.

Tornando alla Serie A il discorso è completamente diverso: meriti di questo lavoro ottenuto fino ad ora non possono che andare a Stefano Pioli. Arrivato il 9 ottobre del 2019 come sostituto di Marco Giampaolo, il mister non ha più lasciato la panchina rossonera. Il rischio c’è stato dopo la fine della stagione 2019-20 quando a Milanello sarebbe dovuto arrivare il tedesco Rangnick. Quest’ultimo, in Italia, non arriverà mai. Probabilmente era destino: proprio con il classe ’65 il Milan è ritornato in Champions dove mancava esattamente da otto anni.

Stefano Pioli © Getty Images

Il contratto del mister è in scadenza il 30 giugno del 2022. In realtà c’è tempo, ma non così tanto. La cosa sicura è che, entrambe le parti, vogliono continuare questa avventura per togliersi tantissime soddisfazioni. Una tra queste è, sicuramente, lo scudetto che manca da dieci anni (l’ultimo a trionfare fu Massimiliano Allegri). Il nativo di Parma si trova benissimo nel club. Anzi, ci tiene a confermare (ogni volta in conferenza stampa) di quanto sia grato alla società che non fa mai mancare nulla alla squadra e a tutto il suo staff. Parole che riempiono il cuore di gioia alla dirigenza ma anche agli stessi tifosi che sono contenti di avere, sulla loro panchina, un condottiero come lui.

Incontri ufficiali per un possibile rinnovo, per il momento, non sono ancora in programma. Sicuramente ce ne saranno e non è assolutamente da escludere che, poco prima di Natale, le due parti possano incontrarsi per definire il tutto. E’ vero che l’ambiente rossonero respiri un’aria di positività, ma bisogna anche pensare se dovesse succedere il percorso inverso. Ovvero? Una brusca frenata nella trattativa che porta alla firma del mister. In questo caso il direttore tecnico, Paolo Maldini, non si farà prendere assolutamente dal panico visto che sta pensando ad una alternativa. Magari un allenatore che conosca alla perfezione il campionato di Serie A. Il nome già c’è.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, che beffa per i rossoneri: il Borussia fa sul serio

Milan, se Pioli non rinnova è pronto Fonseca

Paulo Fonseca © Getty Images

Paulo Fonseca è uno degli svincolati di lusso per quanto riguarda il mercato degli allenatori. Dopo la sua prima esperienza in Italia alla guida della Roma (dove è rimasto due anni), il manager portoghese è stato molto vicino a firmare con un nuovo club. In Italia ci ha pensato la Fiorentina, mentre in Premier League il Tottenham. In entrambi i casi, però, non si è concluso nulla visto che le società hanno virato su altri obiettivi.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, tutto fatto per gennaio: “Voglio essere rossonero”

Il nativo di Maputo, molto probabilmente, sta aspettando la chiamata di un grande club che può arrivare alla fine di questa stagione. Non ha alcuna intenzione di subentrare a campionato in corso. Prima di tutto vuole che gli si venga presentato un progetto convincente. Quello del Milan potrebbe affascinarlo ma il tutto dipenderà, ovviamente, dalla permanenza dell’ex Inter e Bologna. Il rapporto con i calciatori è ottimo e non è un fattore da scartare. La squadra è convinta dei suoi mezzi soprattutto grazie alla carica e la fiducia del suo allenatore.