Italia, doppia tegola per Mancini: niente Svizzera e Irlanda del Nord

Italia, doppia tegola per il commissario tecnico in vista degli impegni che vedranno impegnati i nostri azzurri contro la Svizzera e l’Irlanda del Nord, gare valide per le qualificazioni alla prossima edizione della Coppa del Mondo

I campionati europei si fermano per lasciare lo spazio alle nazionali. Il mese di novembre sarà cruciale per tutti i team che si stanno giocando un posto per partecipare alla prossima edizione della Coppa del Mondo. L’Italia di Roberto Mancini vuole esserci a tutti i costi. La vittoria del campionato Europeo è solamente un punto di arrivo, gli azzurri vogliono mettersi definitivamente alle spalle quello che non sono riusciti a conquistare quattro anni fa: un posto per il Mondiale in Russia 2018. Ad avere la meglio fu la Svezia che all’andata vinse in casa per 1-0 e al ritorno conquistò un pareggio che sapeva di vittoria.

Roberto Mancini © Getty Images

Delusione amara per tutto il paese. A pagarne le spese, ovviamente, l’allora commissario tecnico Giampiero Ventura. Da lì in poi si cambiò completamente marcia. La voglia di ripartire era tanta e si è visto. Ora l’Italia deve fare bottino pieno se a novembre/dicembre del prossimo anno intende esserci in Qatar. Magari trascorrere felicemente anche il giorno di Natale. Gli ultimi due step si chiamano Svizzera (venerdì 12 novembre allo stadio ‘Olimpico‘ di Roma) ed Irlanda del Nord (lunedì 15 novembre al ‘Windsor Park‘). Contro entrambe le squadre, però, non ci saranno due pedine fondamentali dello scacchiere del ‘Mancio’.

LEGGI ANCHE >>> Nazionale, Mondiali 2022: Mancini pensa ad un’esclusione eccellente

Italia, doppio infortunio: abbandonano il ritiro

Nicolò Zaniolo e Lorenzo Pellegrini © Getty Images

Sono stati i due assenti dell’ultima spedizione Europea: stiamo parlando di Nicolò Zaniolo e Lorenzo Pellegrini. Dopo aver smaltito i loro problemi fisici sono ritornati a vestire la maglia della nazionale, ma proprio sul più bello devono continuare ad arrendersi per via di alcuni problemi che continuano a tormentarli. Ieri pomeriggio, alle 12:30, entrambi hanno disputato il match in trasferta contro il Venezia perso dai giallorossi per 3-2. Delusione amara per loro e che avrebbero tanto voluto trasformare in rabbia con la maglia azzurra.

LEGGI ANCHE >>> Italia, Mancini prepara sorprese per i convocati al mondiale 2022

Purtroppo questo non accadrà perché il classe ’99 ha riportato un affaticamento al polpaccio, fortunatamente senza lesioni. Il centrocampista, invece, sta continuando a gestire una vecchia infiammazione al ginocchio che non gli lascia pace. Dovranno tifare e sostenere i propri compagni di squadra dal divano di casa loro. Al loro posto prima convocazione, in Nazionale, per il biancoceleste Danilo Cataldi.