Incontro nella notte | Esonero alle porte: pronto Pirlo

L’ennesimo KO di una stagione terribile fin qui per il Barcellona potrebbe portare i blaugrana all’esonero di Ronald Koeman. Nel mirino anche Pirlo per la panchina

Andrea Pirlo ©️Getty Images

Si complica pesantemente il passaggio del turno in Champions League per il Barcellona che dopo aver perso in larga misura contro il Bayern Monaco alla prima uscita, ha fatto altrettanto anche nella seconda ieri sera andando KO per 3-0 a Benfica. Una vera e propria disfatta storica per i catalani che stanno soffrendo oltremisura il dopo Messi arrancando sia in Europa che in Liga. Sulla graticola Ronald Koeman, la cui posizione si complica sempre di più col trascorrere delle ore. Nello specifico Laporta non ha rimandato di un minuto la discussione con una riunione d’urgenza con la sua cerchia più intima. Nello specifico come sottolineato dal ‘Mundo Deportivo’ dopo le tre del mattino è arrivata la spedizione e, subito dopo il presidente, insieme a Rafa Yuste, Mateu Alemany ed Enric Masip, si sono incontrati in una stanza per analizzare cosa fare con l’allenatore olandese e come gestire la situazione.  che sta andando la prima squadra attraverso. Dopo poco meno di un’ora se ne sono andati, forse con la decisione già presa.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato, su Vlahovic un top club europeo: Juve tagliata fuori

LEGGI ANCHE >>> Juventus, Allegri richiesta ad Agnelli: arriva un difensore da una rivale

Calciomercato Barcellona, disfatta storica: esonero Koeman. Pirlo tra i candidati

Resta da capire se l’esonero di Koeman avverrà già prima della sfida contro l’Atletico Madrid. Nel caso in cui l’olandese dovesse essere ancora l’allenatore la partita contro i Colchoneros rappresenterebbe l’ultimissima chance a disposizione anche se si va sempre più verso il divorzio. Dalla Spagna al suo posto filtrano tre profili in particolare: le linee fondamentali di Cruyffismo e guardiolismo sono una condizione sine qua non.

Serve quindi un allenatore con idee fresche e giovani e in questo senso torna pesantemente di moda Andrea Pirlo, che al presidente piace molto perché è stato un grande giocatore, è un allenatore giovane, è senza squadra, costa poco e vede in lui una sorta di Rijkaard. L’ostacolo principale è la sua formazione italiana, ma resta tra i favoriti eventuali. Formazione che non mancherebbe certamente al pupillo Xavi, mentre un altro candidato supportato è Roberto Martinez.