Altro ko, pazienza finita ed esonero più vicino: “Via ora”

Antonio Conte ha aspettato fino all’ultimo minuto per accettare il suo nuovo lavoro come allenatore del Tottenham, attendendo eventuali risvolti da Solskjaer. Lo United intanto perde ancora e cresce il rischio esonero.

Il Manchester City strapazza lo United nel derby di Old Trafford, vinto dalla truppa di Guardiola con un secco 0-2 in virtù dell’autogol di Bailly e della rete di Bernardo Silva. È quindi di nuovo crisi nera per i Red Devils si Ole Gunnar Solskjaer finito inevitabilmente di nuovo sul banco degli imputati per il pessimo gioco messo in scena dai suoi unito ai risultati deludenti soprattutto in campionato.

Esonero Solskjer
Premier League © Getty Images

Gli uomini di Solskjaer, ora in bilico, non riescono minimamente a pungere, soprattutto nella ripresa, quando ci si aspettava una reazione furiosa. A nulla vale quindi il gran successo contro il Tottenham e il pari di Champions riacciuffato nel finale da Cristiano Ronaldo: tutti gli occhi sono puntati di nuovo sul lavoro dell’allenatore norvegese.


LEGGI ANCHE >>> Pallone d’Oro, nessun dubbio sul vincitore ma impazzano le polemiche

Il Manchester United crolla ancora, Solskjaer verso l’addio

Solskjaer ronaldo ©LaPresse

Solskjaer è nuovamente a rischio esonero anche se tra i candidati non c’è più Antonio Conte, che dopo aver atteso a lungo alla fine ha scelto di andare al Tottenham. I ‘Red Devils’ potrebbero approfittare anche della pausa per le nazionali per fare un’attenta e approfondita riflessione sul futuro della guida tecnica di una squadra forte dal punto di vista dei singoli ma poco armoniosa e collaudata nel complesso.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, esonero in vista: ultima spiaggia per il tecnico. Con ko è addio

I tifosi intanto non ne possono più e vogliono l’esonero di Solskjaer:

 

In caso di addio a Solskjaer tra i candidati più forti c’è Brendan Rodgers seguito dalla suggestione Zinedine Zidane. Più staccato Pochettino, sempre quotato nonostante alleni ancora il PSG.