Crisi Juventus e spogliatoio ‘tradito’: spunta il caso Ronaldo

La militanza di Cristiano Ronaldo alla Juventus non ha portato i frutti sperati. Spuntano anche retroscena sulla crisi di spogliatoio dei bianconeri 

La Juventus sta pian piano ritrovando se stessa, sia nei risultati che nello spirito di squadra volto al sacrificio che a tratti è mancato nelle stagioni precedenti. I bianconeri di Allegri stanno quindi superando lo shock dell’addio di Cristiano Ronaldo, che aveva inevitabilmente catalizzato su di se l’attenzione nelle precedenti tre annate, come confermato più o meno direttamente anche da Bonucci: “Più squadra? Nel recente passato avevamo perso questa caratteristica da Juve, giocavamo con un grande campione come CR7 e volevamo metterlo in condizione di fare sempre bene pensando potesse risolvere lui tutte le partite. Quest’anno stiamo ritrovando quell’umiltà giusta che serve per ritrovare la vittoria”.

Cristiano Ronaldo © Getty images

Parole che fanno ben capire come l’avventura di Cristiano Ronaldo a Torino abbia inevitabilmente modificato alcuni equilibri interni dei bianconeri. Lo stesso Chiellini ha recentemente parlato di ‘shock’ per la partenza di CR7 attorno al quale emergono anche retroscena.

LEGGI ANCHE >>> Rinnovo Pioli: se salta, Maldini ha solo un nome in mente

Juventus, Ronaldo avrebbe messo in crisi lo spogliatoio: il retroscena

Cristiano Ronaldo © Getty images

Partendo proprio dai concetti espressi dai leader dello spogliatoio, Bonucci e Chiellini, l’edizione odierna di ‘Tuttosport’ torna proprio sul nome di Ronaldo. Con il passare del tempo, secondo il quotidiano, CR7 è sempre venuto meno nella partecipazione difensiva in campo con la squadra, portando gradualmente alla distruzione della legge delle tre U che aveva caratterizzato la Juve: uguaglianza, umiltà e unità.

LEGGI ANCHE >>> Melissa Satta, scollatura in primo piano: bellezza divina – VIDEO

Un effetto questo andato via via crescendo nel corso del triennio incrinando la disciplina ferrea dello spogliatoio della Juventus. Una sorta di ‘crisi’ e ‘caos’ rispetto alla storia precedente dei bianconeri che ora Allegri e i suoi stanno provando a ripristinare.