Coppa d’Africa, gare rinviate in Serie A? Scenario possibile, il punto

Torna a far discutere il calendario con la Coppa d’Africa insieme al campionato di Serie A: il rinvio di alcune gare è possibile

Osimhen e Anguissa
Osimhen e Anguissa © LaPresse

Coppa d’Africa e gli infortuni di Osimhen e Anguissa: e ora?

Rush finale da qui a Natale in Serie A, per concludere il girone d’andata. Molte gare importanti ancora da disputare, per poi sospendere il torneo per la pausa e riprendere a gennaio. Con la spada di Damocle, per diverse squadre, rappresentata dalla Coppa d’Africa. Il torneo andrebbe a penalizzare soprattutto il Napoli, che rischierebbe di perdere, come noto, i vari Koulibaly, Anguissa, Osimhen e Ounas. Il centrocampista e il centravanti, però, si sono infortunati abbastanza seriamente durante la gara con l’Inter. Soprattutto per Osimhen, l’entità delle fratture multiple al volto dopo lo scontro con Skriniar sembra portare addirittura a un’assenza di tre mesi, anche se si farà di tutto per ridurla. Ci si chiede a questo punto se i due giocatori saranno in grado di rispondere alla convocazione delle rispettive nazionali e cosa potrebbe succedere.

LEGGI ANCHE >>> Esonero in Serie A, il club ha deciso: ultima possibilità

Osimhen
Osimhen © LaPresse

Coppa d’Africa, rinvii possibili in Serie A: il Napoli spera

Il Napoli rischia di non averli a lungo, con o senza Coppa d’Africa per entrambi. Ma nel caso in cui fossero convocati, gli azzurri potrebbero, a sorpresa, avere una ancora di salvataggio, con il rinvio di alcune gare. L’avvocato Enrico Lubrano, esperto di diritto sportivo, ha infatti dichiarato a ‘Radio Punto Nuovo’: “Fermare il campionato per competizioni europee o sudamericane e non per la Coppa d’Africa è una violazione dello statuto della FIGC. Sono solo alcune squadre a perdere giocatori e risulterebbero penalizzate”.

LEGGI ANCHE >>> Diletta Leotta, ‘una divina sul divano’: da sogno

“Per il Napoli sarebbe possibile richiedere il rinvio di alcune gare – prosegue Lubrano – Con la convocazione dai tre ai cinque giocatori stabilmente titolari, le norme attuali rendono possibile chiedere il rinvio delle tre o quattro gare interessate”. Uno scenario che andrebbe a stravolgere totalmente il calendario.