Il gesto di Chiellini prima del rigore decisivo ha fatto il giro del mondo

Giorgio Chiellini, prima della battuta da parte di Bukayo Saka del rigore decisivo, poi sbagliato, si è reso partecipe di un particolare episodio…

Chiellini finale Euro 2020 Inghilterra episodio rigore Saka Kiricocho
La nazionale italiana festeggia la vittoria di Euro 2020 © Getty Images

Gli Europei di calcio 2020 dopo 1 mese sono giunti al termine, nel migliore dei modi. È stata infatti la nostra nazionale ad ottenere il titolo di campione d’Europa in casa dell’Inghilterra, a Wembley, un titolo che mancava da ben 53 anni.

Questo successo è arrivato grazie ad un gruppo di giocatori unito e compatto, che è andato oltre alle individualità, vincendo contro nazionali molto più favorite sulla carta. Questa finale rimarrà impressa per sempre nella storia del calcio, e uno dei giocatori più importanti del match, Giorgio Chiellini, si è reso protagonista di un divertente episodio prima del rigore decisivo sbagliato da Bukayo Saka

LEGGI ANCHE >>> Italia, dopo la festa la delusione: un big pronto a lasciare gli azzurri

LEGGI ANCHE >>> Italia campione, il retroscena: un giocatore assente alla festa

Chiellini e l’episodio prima del penalty decisivo: ecco cos’è successo

Poco prima del rigore sbagliato da Saka, si vede Chiellini, abbracciato ai propri compagni, pronunciare una strana parola, come da lui stesso confermato, verso il dischetto del penalty: kiricocho. Questa è una parola molto in voga nel calcio sudamericano, al centro di una leggenda metropolitana. Infatti kiricocho, secondo la leggenda, era il soprannome di un tifoso dell’Estudiantes, famoso per portare sfortuna al club quando vedeva le partite dal vivo.

Si pensi che quando egli fu mandato a seguire tutte le altre squadre del torneo, l’Estudiantes vinse lo scudetto. Da allora in poi, la parola kiricocho si pensa, soprattutto prima di un calcio di rigore, che porti sfortuna, ed è una credenza molto radicata nel calcio sudamericano. Che sia stato proprio kiricocho a far sbagliare Saka, il cui rigore è stato comunque parato da un egregio Donnarumma, non lo sappiamo. L’unica cosa di cui siamo certi è che siamo campioni d’Europa.