Spinazzola, retroscena clamoroso: “Quella volta che mi chiamarono zoppo”

Leonardo Spinazzola torna a parlare dopo il successo ad Euro 2020 con la Nazionale di Roberto Mancini. L’esterno ha svelato qualche retroscena particolare in merito al suo passato.

Spinazzola, retroscena clamoroso: "Quella volta che mi chiamarono zoppo"
Leonardo Spinazzola © Getty Images

Leonardo Spinazzola è stato, di sicuro, uno dei protagonisti assoluti della Nazionale di Roberto Mancini che ha trionfato ad Euro 2020. L’esterno sinistro della Roma è stato, a mani basse, il miglior giocatore nel suo ruolo almeno fino alla partita contro il Belgio. Nella gara valida per i quarti di finale dell’Europeo, infatti, il romanista ha subito la rottura del tendine d’Achille. Un infortunio che l’ha costretto a dare forfait per la semifinale e per la finale. Il giocatore giallorosso dovrà stare fermo ancora a lungo. Oggi, però, si è aperto ai microfoni de “ilromanista.eu“. Diversi i temi toccati da Spinazzola, oltre al rapporto con Mourinho ed alle sensazioni sul suo ritorno, il giocatore ha svelato anche qualche retroscena piuttosto spiacevole che ha vissuto nel recente passato.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ————->>> Juventus in pole: il campione torna in Serie A a prezzo stracciato

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE ————->>> L’Italia sguaina la spada con la splendida Rossella Fiamingo

“Torno a Novembre!” Così Spianazzola ha dichiarato nel corso della sua intervista a ilromanista.eu. “Sarà difficile, ma voglio provarci, anche perchè altri ci sono riusciti. Mal che vada tornerò a Febbraio. In ogni caso sono tranquillo. La società mi da fiducia e poi arriverà Viña che potrà dare un ottima mano a Calafiori che non potrà giocare tutte le partite.”

Spinazzola ha parlato anche del suo rapporto con Mourinho. “Il mister mi sembra una brava persona. Ci siamo sentiti prima dell’Europeo. Successivamente ci siamo simo visti a Trigoria. Mi da l’idea di essere uno tosto. I miei compagni me ne stanno parlando bene.”

Il neo campione d’Europa confessa anche un doloroso retroscena del suo recente passato. “Quando saltò l’affare con l’Inter mi diedero dello zoppo. Le parole fanno male e mi colpì profondamente quell’offesa. Ad ogni modo non mi sono dato per vinto, anzi ho usato quell’episodio per ripartire e per dimostrare al mondo il mio vero valore!”