Napoli, ora scatta l’allarme Osimhen: Spalletti in ansia

Il Napoli ha vinto ieri anche senza Osimhen, ma le condizioni del bomber nigeriano preoccupano: le ultime sul suo infortunio.

Osimhen
Victor Osimhen © LaPresse

Napoli ok anche senza Osimhen: ma il nigeriano è fondamentale

Vittoria preziosa per il Napoli, quella ottenuta ieri sul campo della Salernitana. Azzurri di Spalletti nella versione probabilmente meno brillante di questa stagione, ma l’1-0 targato Zielinski pesa perché ottenuto in un derby in trasferta e in una gara difficile per tanti motivi. Le assenze di Osimhen e Insigne e l’espulsione di Koulibaly hanno complicato le cose molto più del previsto, i partenopei mantengono in ogni caso imbattibilità e primato in classifica in condominio con il Milan. L’assenza del centravanti ha tuttavia palesato alcuni problemi di gioco, il suo apporto al momento è davvero determinante. E il suo infortunio fa preoccupare tutti, anche perché potrebbe non essere limitato alla gara di ieri all’Arechi.

LEGGI ANCHE >>> Diritti tv, svolta decisiva per DAZN-Sky: cambia tutto

Spalletti
Luciano Spalletti © LaPresse

Infortunio Osimhen, le ultime: le gare a rischio per il bomber

La ‘Gazzetta dello Sport’ fa infatti il punto della situazione sull’infortunio al polpaccio dell’attaccante. La sensazione è che Osimhen non sarà a disposizione nemmeno per il match di Europa League in casa del Legia Varsavia. In dubbio anche la sua presenza domenica prossima contro il Verona, anche se ci sono speranze di recuperarlo. Situazione che verrà monitorata costantemente dallo staff medico del Napoli, la sfida con i gialloblù prima della pausa è un appuntamento fondamentale e da non sbagliare.

LEGGI ANCHE >>> Esonero in Serie A: “Cacciatelo” | Pronto il sostituto in panchina

Osimhen
Victor Osimhen © LaPresse

Qualora Osimhen non dovesse farcela neanche per domenica, il Napoli proverà a esentarlo dalla convocazione in nazionale con la Nigeria. Il timore dei partenopei è quella di vivere un doloroso bis di quanto accaduto lo scorso anno, quando proprio nel mese di novembre l’infortunio in nazionale lo tenne, di fatto, tra complicazioni varie, lontano dai campi per quasi tre mesi.