Home Calciomercato Calciomercato Inter, tutto deciso per Conte: Marotta esce allo scoperto

Calciomercato Inter, tutto deciso per Conte: Marotta esce allo scoperto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:19
CONDIVIDI

A scudetto acquisito Beppe Marotta ha fatto il punto della situazione sul futuro dell’Inter soffermandosi anche su Antonio Conte 

Calciomercato Inter, offerta shock dalla Premier per un big di Conte
Antonio Conte © Getty Images

Il grande protagonista della trionfale annata dell’Inter è senza dubbio Antonio Conte, condottiero di una squadra che in appena due stagioni è riuscita a tornare alla vittoria in Serie A. Sono infatti partiti ieri i grandi festeggiamenti per lo scudetto conquistato con ben quattro giornate d’anticipo, detronizzando la Juventus dopo nove anni di fila. In estate sarà tempo di confrontarsi sul futuro, e a tal proposito è intervenuto Beppe Marotta a ‘Radio anch’io sport’ su ‘Rai Radio 1’ a partire dalle percentuali sulla permanenza di Conte: “Io spero al 100%. Sappiamo che siamo in un momento difficile per lo sport, non solo nel calcio, e questo incide inevitabilmente nelle decisioni dei grandi club. Noi ad esempio abbiamo perso circa 70 milioni di introiti. Anche per questo la “potenza” sul calcio mercato sarà ridotta. I confronti saranno legittimi, giusti, così come saranno fatti in altri club. Tutti assieme bisogna ragionare su certi costi che sono certi e sui ricavi che invece sono incerti”.

LEGGI ANCHE >>> Dalla Premier League beffa clamorosa per Inter e Juventus: doppio KO

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter, insidie estere per un obiettivo nerazzurro

Calciomercato Inter, insidie estere per un obiettivo nerazzurro
Beppe Marotta. © Getty Images

Marotta ha proseguito: ” Piano B? Non c’è. C’è il piano A, spero che Conte possa continuare il suo percorso qui. C’è grandissimo feeling tra lui, la squadra e la società. Possiamo toglierci ancora belle soddisfazioni. Handanovic? Lui è il nostro portiere e nostro capitano, il nostro dovere è sempre guardare al futuro e rendere la rosa competitiva nel tempo”.

SUPERLEGA – “E’ nata dalla pressione dei 12 proprietari dei club, proprio perché il modello attuale non più sostenibile. E’ un calcio che va verso il modello di business, non ci sono più i mecenati dei club che ripianavano i debiti. La Superlega è nata come forma di preoccupazione e reazione al sistema di adesso. Le modalità e i tempi sono stati un po’ sbagliati, ma l’insegnamento che ne dobbiamo trarre è che questo calcio va rimodellato, altrimenti si va verso un default”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Inter (@inter)