Inzaghi ha dato l’ok: sacrificato di lusso in estate

L’Inter ribadisce la sua forza ma a fine stagione almeno un big andrà sacrificato: ecco su chi ricade la scelta di Inzaghi e Marotta

La corsa scudetto entra nel vivo, lunga volata finale da qui al termine della stagione per capire chi conquisterà il titolo. Con una certezza: la squadra da battere resta l’Inter e con i campioni d’Italia in carica bisognerà fare i conti fino alla fine.

Inzaghi ha dato l'ok: sacrificato di lusso in estate
Simone Inzaghi © LaPresse

Inter, segnale scudetto a Napoli: reazione di maturità e Inzaghi sorride

La squadra di Simone Inzaghi era uscita dal derby contro il Milan con molte certezze in meno. La sconfitta rocambolesca nel finale dei nerazzurri ha riaperto improvvisamente tutti i discorsi, con i rossoneri e il Napoli praticamente a contatto e un calendario fitto di impegni importanti e particolarmente difficoltosi. La reazione, però, non si è fatta attendere. Vittoria netta sulla Roma nei quarti di finale di Coppa Italia e, al ‘Maradona’, contro il Napoli, nonostante lo svantaggio immediato e le enormi difficoltà per tutto il primo tempo, una reazione di sostanza nella ripresa. Il gol di Dzeko che permette alla capolista di uscire imbattuta da Fuorigrotta pesa tantissimo, la successione gestione nel corso della ripresa ha mostrato tutta la solidità e la caratura di un gruppo difficilissimo da scalfire, sebbene la prestazione nel suo complesso sia stata lontana dalle migliori versioni ammirate in questa stagione. Inter che insomma rimane favorita per la conquista dello scudetto, che varrebbe la seconda stella, anche se ci sarà da lottare fino alla fine. E anche se con qualche crepa che si intravede in un undici titolare che appariva granitico fino a poche settimane fa.

LEGGI ANCHE >>> Inter: 150 milioni per due big, Conte spaventa Inzaghi

De Vrij in crisi, è l’anello debole della difesa

Inzaghi ha dato l'ok: sacrificato di lusso in estate
Stefan de Vrij © LaPresse

Desta un po’ di preoccupazione infatti il rendimento di Stefan de Vrij. L’olandese si porta sulla coscienza il gol partita di Giroud nel derby e il fallo da rigore commesso su Osimhen nella gara contro il Napoli, dove, in generale, ha commesso diversi svarioni che per poco non sono costati altre marcature azzurre, evitate da un Handanovic in serata di grazia. Nel terzetto difensivo interista, in questo momento appare l’anello debole e tornano d’attualità i discorsi sul suo futuro, in considerazione anche di un contratto in scadenza nel 2023. La sensazione è che, anche visti i movimenti di Marotta alla ricerca di un difensore (Bremer, ma non solo), una cessione dell’ex Lazio possa essere vista come indolore e anzi utile per portare denaro fresco nelle casse.

LEGGI ANCHE >>> Maldini ‘saccheggia’ Roma: doppio colpo a zero dalla Lazio

Ci pensa seriamente il Barcellona, che quando si parla di olandesi ha sempre le antenne dritte, ma le richieste non mancano anche in Premier League, dove Raiola aveva già sondato il terreno. Inter che potrebbe anche accontentarsi di una cifra intorno ai 30 milioni di euro.

Impostazioni privacy