Allegri e Vlahovic nella bufera: “Cacciatelo”

Il percorso di Dusan Vlahovic alla Juventus vive di alti e bassi. Un inizio sfavillante e poi un graduale ridimensionamento per il serbo ancora in fase di adattamento nello squadra di Allegri. Non mancano le critiche per il bomber ex Fiorentina, e non solo. 

La Juventus fatica ma vince ancora. I bianconeri battono per 2-1 in casa un Venezia alimentato dal furore della corsa salvezza e lo fa con una doppietta decisiva di Leonardo Bonucci proprio nel giorno del suo compleanno. Le critiche però non mancano.

Vlahovic e Allegri nel mirino
Dusan Vlahovic ©LaPresse

Juventus, vittoria a fatica contro il Venezia: Vlahovic ancora a secco

2-1 casalingo per la Juventus che batte un Venezia tenace e combattivo, capace di pareggiare a metà ripresa l’iniziale vantaggio di Bonucci con un gol bellissimo di Aramu che torna a segnare dopo la rete della gara d’andata. Una magia che viene però resa vana da un’altra zampata dell’esperto difensore juventino che tramuta in gol un assist di testa di Danilo.

Tanto basta ad una Juventus non troppo esaltante per alimentare ancora le speranze di terzo posto. Chi non ha brillato è certamente Dusan Vlahovic che resta di nuovo a secco e complessivamente sbaglia molto anche quando c’è da giocare di raccordo con i compagni. Il percorso juventino del serbo non decolla ancora al 100% dopo un inizio fantastico che aveva fatto pensare ad un cammino differente. Normale però che un ragazzo così giovane, per quanto fortissimo, viva una fase di adattamento ad un calcio e un ambiente diverso come quello della Juventus.

Vlahovic non brilla e i tifosi si scatenato: nel mirino anche Allegri

Vlahovic e Allegri nel mirino
Dusan Vlahovic © LaPresse

Una piccola flessione quella di Vlahovic che molti tifosi bianconeri hanno sottolineato a chiare lettere su Twitter, a tratti incolpando anche Massimiliano Allegri:

Previous articleMilan, tifosi terrorizzati: rinnovo Leao congelato ed ipotesi tradimento
Next articleElisa De Panicis, solo il cappello di paglia copre tutto: sotto non c’è niente