Spalletti insiste, vuole Vecino. Inzaghi frena: lo considera incedibile 

Spalletti insiste, vuole Vecino. Il centrocampista uruguaiano è il pupillo del tecnico toscano che vorrebbe averlo con sé per il nuovo corso azzurro. Inzaghi frena: lo considera incedibile 

Vecino © Getty Images

Matias Vecino continua ad essere il nome corteggiato da Spalletti per il suo Napoli. Il classe 1991 era un fedelissimo del tecnico ai tempi dell’Inter e vorrebbe averlo con sé anche sotto il Vesuvio. Per il 30enne, reduce da un grave infortunio al ginocchio, è il momento della verità: rilancio in nerazzurro o altrove? Spalletti ha scelto lui per cercare di completare un reparto a cui mancano delle caratteristiche e dei profili in termini numerici. E Vecino appare un nome importante in entrata anche a causa del suo contratto in scadenza fra un anno: in questo caso, l’Inter deve decidere se tenerlo o prolungare il contratto con la prospettiva di dargli un’altra chance in nerazzurro.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Juventus, spunta il nome a sorpresa per la porta: da una rivale

Spalletti insiste, Vecino il big per la mediana

Da esubero con Conte – anche e soprattutto a causa dei continui problemi fisici che lo hanno limitato nella scorsa stagione per tutto l’anno – a giocatore importante per Inzaghi: se la società pensava alla cessione di fronte ad una buona offerta, Inzaghi lo vede come pedina da sfruttare appieno per il centrocampo. Per questo ‘rischia’ seriamente di diventare una risorsa importante in quella zona del campo. Per il suo gioco, i centrocampisti di inserimento sono fondamentali in fase di possesso per creare superiorità numerica negli ultimi metri e per dare un maggior supporto in zona gol. In caso di addio, l’Inter lo avrebbe valutato circa 12 milioni di euro, ma con queste premesse per Inzaghi non ha prezzo: se risulterà affidabile sul piano fisico e dimostrerà di essere pronto per il campo, il tecnico chiederà al più presto anche di chiudere il discorso rinnovo.

LEGGI ANCHE >>> Il Milan alza l’offerta per l’esterno offensivo: c’è il sì del giocatore