Serie A, Belotti rifiuta la Russia: chi c’è dietro al campione europeo?

Serie A, per Andrea Belotti la possibilità di andare a giocare all’estero non è nei suoi piani. L’attaccante vorrebbe rimanere in Italia per giocarsi le sue chance, ma a quanto pare non con la maglia del Torino visto che le due strade si separeranno. Dove andrà il calciatore?

Andrea Belotti © Getty Images

Andrea Belotti si appresta a lasciare il Torino. Attualmente è ancora in vacanza dopo gli impegni europei, ma a breve ritornerà nella città piemontese. Possibile che si tratti di una “toccata e fuga” visto che l’attaccante può anche non disfare le valigie e andare via subito. Il patron Urbano Cairo vuole monetizzare per uno dei suoi gioielli che è stato protagonista nella nazionale di Roberto Mancini ad Euro2020. Nello stesso momento, però, non molla visto che ha offerto un rinnovo importante al calciatore ed è in attesa di una risposta.

Nel frattempo arriva il rifiuto alla Russia. Niente da fare per lo Zenit che aveva cercato di convincerlo, ma a quanto pare all’atleta la destinazione Russia non piace proprio. Li ha “raffreddati” con un secco “no”. Cosa c’è dietro a questo rifiuto? C’è un club di Serie A che non ha mai nascosto l’interesse nei suoi confronti. Ecco di chi si tratta.

LEGGI ANCHE >>> Juric ‘scarica’ Belotti: ora l’attaccante può davvero partire

Serie A, Mourinho aspetta Belotti

Andrea Belotti © Getty Images

Ovviamente la Roma sta cercando di piazzare il colpo. José Mourinho non vuole accontentarsi di Eldor Shomurodov che nelle prossime ore diventerà un nuovo calciatore giallorosso. In attesa di capire la situazione legata al futuro di Edin Dzeko, la dirigenza non vuole perdere altro tempo e vuole bloccare il classe ’93.

LEGGI ANCHE >>> Belotti, non solo Roma: irrompono i nerazzurri

Non sarà facile visto che c’è anche l’Atalanta dietro all’ex Palermo. Saranno giorni intensi quelli che vivranno a Torino. Gasperini stravede molto per il ragazzo e potrebbe offrirgli un grande palcoscenico. Quale? Ovviamente la possibilità di giocare, per la prima volta nella sua carriera, la Champions League.