Home Calciomercato Milan, col Benevento un big si gioca la conferma

Milan, col Benevento un big si gioca la conferma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:31
CONDIVIDI

Il Milan affronta il Benevento nell’anticipo della giornata numero 34 di Serie A. I rossoneri hanno bisogno di una vittoria per lottare ancora per un posto nella prossima Champions League. Sfida importante anche per Rafael Leao che si gioca la conferma in vista del futuro.

Calciomercato Milan Benevento
Milan © Getty Images

Calciomercato Milan, Leao si gioca la conferma

Il Milan si gioca una fetta importante della propria stagione in casa contro il Benevento con i rossoneri che vogliono i tre punti per restare in piena corsa Champions. La partita contro i giallorossi sarà però un importante banco di prova anche per un giocatore, Rafael Leao. Autore di un ottimo primo spezzone di campionato, il portoghese si è letteralmente perso nella seconda parte mettendo a serio rischio la sua permanenza in rossonero in vista della prossima stagione. Classe 1999, la punta ha diversi estimatori in tutta Europa.

LEGGI ANCHE >>> MILAN, CHE OFFERTA PER DE PAUL

Calciomercato Milan Leao
Leao © Getty Images

Milan, come cambierà l’attacco

In attacco al momento gli unici certi di restare anche la prossima stagione sono Rebic ed Ibrahimovic. A serio rischio la posizione di Mandzukic che è stato fermato spesso dagli infortuni e non ha convinto quando è stato chiamato in causa. Verso la cessione Castillejo mentre è tutto da decidere il futuro del giovane portoghese. Il Milan ha speso molto per portarlo in rossonero e non può permettersi di svenderlo. Se dovesse arrivare un’offerta intorno ai 35 milioni di euro il Milan potrebbe decidere di venderlo anche se molto dipenderà da quella che sarà la posizione finale in campionato degli uomini di Pioli.

LEGGI ANCHE >>> MILAN-BENEVENTO, COME VEDERLA IN STREAMING

La qualificazione o meno in Champions League per la prossima stagione sarà decisiva per capire il futuro di molti giocatori rossoneri oltre che quello di Pioli. Il tecnico dovrebbe essere confermato ma uscire dalle prime quattro potrebbe far cambiare idea alla società che decise in extremis un anno fa di tenerlo alla guida della squadra.