Home News Lotta Champions, calendario pazzesco: Juve a rischio ma occhio alle sorprese

Lotta Champions, calendario pazzesco: Juve a rischio ma occhio alle sorprese

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:45
CONDIVIDI

Mancano soltanto due giornate alla fine del campionato e la lotta Champions è ancora apertissima: Juve a serio rischio ma occhio alle sorprese.

Futuro Ronaldo Juventus bilico addio
Cristiano Ronaldo © Getty Images

180 minuti da giocare, 6 punti in palio. La corsa Champions League si deciderà tutta in queste due ultime gare della Serie A 2020-2021. 5 le squadre rimaste ancora in ballo, con la Lazio ancora in corsa in virtù della gara da recuperare contro il Torino. Con un distacco potenziale di 5 punti, anche i biancocelesti possono sentirsi pienamente iscritti alla lotta per la massima competizione europea al fianco di Atalanta, Milan, NapoliJuventus. Analizziamo i calendari delle squadre in lizza per capire chi, sulla carta, potrebbe partire in vantaggio.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>>Champions League, UFFICIALE: ecco la nuova sede della finale!

Corsa Champions League: 5 squadre per 3 posti, è guerra aperta

Champions League
Champions League © Getty Images

ATALANTA

I bergamaschi, al momento secondi in classifica, partono indubbiamente favoriti in questa corsa verso l’Europa. Non possono però permettersi di dormire sugli allori. Non è infatti da sottovalutare l’impegno di sabato contro il Genoa: partite del genere, se giocate con sufficienza, rischiano di mandare all’ortiche un’intera stagione. Ad aumentare la tensione, prima dell’ultimo match, ci si metterà anche la finale di Coppa Italia contro la Juventus, un momento storico per il calcio bergamasco. Infine quella che, probabilmente, varrà ancora più di una finale: Atalanta-Milan, il 23 maggio. Ogni pallone potrebbe pesare un macigno.

MILAN

La squadra di Pioli è reduce da un magic moment. Il doppio trionfo torinese ha regalato nuova fiducia e nuovo vigore ad una squadra che sembrava aver perso la trebisonda. Ma le ultime due gare fanno paura a dir poco. Prima sfida contro il Cagliari, squadra alla ricerca degli ultimi punti salvezza; poi, come detto, la finalissima Champions contro la Dea. Tutto questo, probabilmente, senza il faro della squadra, Ibrahimovic. Non una passeggiata di salute queste due ultime partite…

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>>Juventus-Milan, che giro di portieri tra Buffon e Donnarumma

NAPOLI

I fantasmi di Firenze riecheggiano nella mente degli azzurri: Insigne e compagni riusciranno a dimenticare quella funesta trasferta che 3 anni fa soffiò lo scudetto al Napoli di Sarri? È questo il vero interrogativo del finale di stagione degli azzurri. La risposta arriverà domenica, alle 12.30, in quella che sarà la penultima gara di fine stagione. Poi, messo alle spalle lo scoglio fiorentino, l’ultima sfida vedrà l’Hellas Verona di Juric contrapposto al Napoli di Gattuso. Ma, oggi bisogna pensare solo a Firenze e a quella voglia di cancellare dalla memoria il 29-04-2018.

JUVENTUS

La Juve di Andrea Pirlo ha un piede fuori dalla Champions, è inutile nascondersi. Solo una serie di risultati favorevoli potrebbero spingere i bianconeri a tornare tra i primi 4 posti della graduatoria. Ma oltre ai risultati degli altri serviranno però anche due vittorie. E non è semplice. Domenica c’è l’Inter allenata dall’acerrimo rivale Conte, pronto a sventolare lo scudetto dinanzi alla sua ex squadra; nell’ultimo turno invece, il Bologna di Mihajlovic, squadra colma di giovani pronti a mettersi in mostra. La speranza bianconera non è ancora svanita, ma il rischio di fallimento è elevatissimo.

LAZIO

La vera outsider, per il momento, è la Lazio. Con 3 gare da giocare, i biancocelesti potrebbero infatti ritrovarsi nel ciclone e dar fastidio a quelle avanti, sperando in uno scivolone. Il calendario è però ostico a dir poco: sabato si parte con il Derby, martedì spazio al famoso recupero contro il Torino e ultima sfida in trasferta contro il Sassuolo di De Zerbi. Ma è giusto dirlo: i ragazzi di Inzaghi necessitano di un vero e proprio miracolo.

Classifica Serie A lotta Champions
Classifica Serie A / DirettaGoal.it

Appuntamento a questo punto a tra 180 minuti (o 270 nel caso della Lazio): a breve tutti i dubbi saranno fugati.