Ferrari, la nuova polemica: il 2023 parte nel peggiore dei modi

Neanche il tempo del suo insediamento che già cominciano a circolare voci contrastanti su Vasseur. Il nuovo team principal del cavallino raccoglie un testimone non semplice da gestire. Mentre tra i tifosi c’è molta speranza, c’è chi ha perplessità sulla figura dell’ingegnere francese.

Il 9 gennaio è stato il giorno di Frederic Vasseur. L’ex team principal dell’Alfa Romeo-Sauber, infatti, ha varcato la porta della sede di Maranello cominciando, di fatto, la sua nuova avventura come team principal della Ferrari.

Ferrari
Ferrari @Lapresse

L’ingegnere francese ha avuto modo di incontrare tutti i membri del Cavallino Rampante e di poter confrontarsi con Carlos Sainz e, soprattutto, Charles Leclerc con cui ha già lavorato nel 2018, ai tempi dell’esperienza in Alfa Romeo del pilota monegasco. Un primo giorno che pone le basi del nuovo corso che dovrà essere intrapreso dalla Ferrari. Una nuova avventura che i tifosi della “rossa” si augurano possa discostarsi di molto da quelle degli ultimi anni che hanno visto una Ferrari mai vincente nonostante ci siano state stagioni anche positive che hanno visto il Cavallino giocarsela sino alla fine con Mercedes e Red Bull. Il 2022, in effetti, è stato archiviato come una di quelle annate positive che, però, lasciano qualche rimpianto.

Ferrari, l’arduo compito di Vasseur

Il secondo posto di Leclerc nella classifica piloti e della Ferrari in quella costruttori rappresentano delle buone basi di partenza su cui lavorare. Per Vasseur, dunque, l’impresa non è impossibile, ma può essere “etichettata” come difficile. La concorrenza, infatti, sarà molto spietata considerando che la Red Bull rappresenta ancora l’auto da battere e che la Mercedes punta a rientrare a pieno titolo nella lotta per il primato. Il neo team principal della Ferrari, quindi, dovrà curare tutti i dettagli per consentire alla scuderia di Maranello di potersi dimostrare all’altezza delle rivali.

Ferrari, Olav Mol spaventa i tifosi: “Non invidio Vasseur”

I tifosi della Ferrari considerano Frederic Vasseur come l’uomo che può segnare la svolta nella storia recente del Cavallino rampante. L’ingegnere francese, secondo molti, ha tutte le caratteristiche per consentire alla Ferrari di ritornare ad essere una scuderia vincente. Di questo ne sono convinti tutti anche se non mancano le voci fuori dal coro che non la pensano assolutamente così. È il caso di Olav Mol, giornalista olandese che segue con molta attenzione le vicende legate alla Formula 1. Secondo quanto riportato da “f1grandprix.motorionline.com”, il cronista olandese, in un intervista, ha dichiarato di avere non poche perplessità per quanto concerne il ruolo di Frederic Vasseur in Ferrari. “Non so se Vasseur è pronto per la Ferrari. Onestamente non lo invidio, ma gli auguro di avere successo”.

Previous articleGinevra Lamborghini, accavallamento pericoloso: lo zoom svela tutto
Next articleMaldini blocca il mercato: un solo addio, ecco chi parte