Colpo da 40 milioni dalla Serie A: annuncio Inter

Tutti pazzi per Giorgio Scalvini, il talento che più di tutti ha illuminato la scena in casa Atalanta. Polivalente difensore, in grado di giocare anche a centrocampo davanti alla retroguardia, il classe 2003 ha ampi margini di miglioramento e capacità cristalline. Piace a tutte le big di Serie A ma il prezzo è importante. 

Il giornalista Luca Bassi si è soffermato sulle vicende di casa Atalanta ai microfoni di ‘Calciomercato.it’ in diretta sul canale Twitch di TvPlay partendo proprio dal destino di Giorgio Scalvini che attira l’attenzione soprattutto dell’Inter.

Calciomercato Inter, il Real Madrid rifiuta la prima offerta nerazzurra pr Hazard
Marotta ©LaPresse

Calciomercato, Scalvini talento atalantino: “40 milioni però sono tanti”

L’Atalanta si sta confermando anche quest’anno una realtà importante del calcio italiano, in lotta per una posizione tra le prime quattro dopo la battuta a vuoto della scorsa stagione. Tra i migliori talenti di casa Gasperini c’è senza dubbio Giorgio Scalvini, classe 2003 dal potenziale inesplorato, che smuove anche il futuro del calciomercato di Serie A. A tal proposito il collega Luca Bassi ne ha parlato a ‘Calciomercato.it’ su TvPlay in onda su Twitch: “E’ normale che ci siano l’interesse delle grandi squadre visto il suo rendimento. 40 milioni però sono tanti. Il Milan non penso che voglia portare avanti certi investimenti. E’ vero che Scalvini è giovane, ma la cifra per un giocatore che devi aspettare sono tante. Adesso nel Milan o nella Juve non sarebbe decisivo. Stai comprando un giovane. Anche Gasperini sa che ha bisogno di completare il processo di crescita. La Juve con tutti i problemi che ha non so quanto possa mettersi in ballo in una trattativa del genere. L’Inter è forse l’unica che potrebbe muoversi. Fabbian interessa all’Atalanta, anche se non so quanto può valere il suo cartellino. Neanche l’Inter però può arrivare a quanto chiede l’Atalanta. Certo, potrebbero entrare in ballo i rapporti tra le due squadre. L’Atalanta però si fa pagare caro i suoi gioielli. L’unica eccezione è Gosens…ma li secondo me è perché i Percassi volevano fare l’ultima grossa plusvalenza prima della chiusura con Pagliuca”.

Calciomercato, da Scalvini alle strategie dell’Atalanta

Calciomercato, da Scalvini alle strategie dell'Atalanta
Scalvini ©LaPresse

Bassi si è quindi soffermato sulle prossime strategie atalantine e ancora su Scalvini: “Si tende un po’ a continuare a pensare all’Atalanta come anni fa. Sino a poco tempo fa i pezzi grossi erano tutti sul mercato, ma oggi può anche iniziare a ragionare in maniera diversa. Bisogna vedere cosa si saranno detti la società e Gasperini. Prima del mondiale c’era un po’ di maretta sulla rosa lunga. Chiedeva quale fossi il progetto, se quello con i giovani o la riconoscenza ai “big” degli ultimi anni. Non sarei così sicuro che l’Atalanta abbia porte aperte per le trattative con Salvini. Aspetterei a dire che è sul mercato. Se poi dovesse partire non penso che nessuno possa mettere 40 milioni”.

Impostazioni privacy