Più lontano che mai: addio Inter a gennaio

Alexis Sanchez sta vivendo un’altra stagione da comprimario con la maglia dell’Inter. Pochissimi minuti concessigli finora e tanta voglia di tornare protagonista 

Inter © Getty Images

L’Inter di Simone Inzaghi prende forma, e nonostante qualche difficoltà in Champions sta mettendo in scena un buon inizio di Serie A, restando agganciata al treno scudetto in questo momento condotto dal Napoli. I nerazzurri in particolare sembrano aver assimilato bene l’addio di Lukaku con Dzeko, Lautaro e Correa che non hanno fatto fin qui rimpiangere il fortissimo bomber belga a suon di gol. C’è però chi nell’attacco di Inzaghi resta ancora piuttosto scontento e soprattutto ai margini. Appena 70 minuti in stagione per Alexis Sanchez, fin qui un comprimario e mai incisivo. Tanti i problemi fisici che ne hanno anche limitato rendimento e minutaggio.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Milan, blitz Maldini: rivali sorprese e colpo rossonero

LEGGI ANCHE >>> Pallone d’Oro, la corsa è finita: Jorginho vs Messi, deciso il vincitore

Calciomercato Inter, via a gennaio: Sanchez piace in Liga, il duello

Nello specifico però l’arrivo di Joaquín Correa per l’Inter durante il mercato ultimo trasferimento ha messo Sanchez nella scomoda posizione di quarto attaccante nelle gerarchie. Con Inzaghi e l’arrivo dell’argentino il minutaggio scende ancora rispetto allo scorso anno, e il futuro non sembra roseo. Real Betis e Siviglia, come evidenziato da alcuni media spagnoli, ci pensano e già nei prossimi mesi potrebbero partire gli assalti.

Sanchez ha il contratto in scadenza 2023, e secondo quanto sottolineato da ‘Fichajes.net’, le due compagini andaluse potrebbero anticipare un’offerta già alla riapertura del mercato di gennaio per approfittare della situazione complessa dell’attaccante. L’affare potrebbe basarsi su un prestito con diritto di riscatto poi a fine stagione. Dalla Spagna ci pensano, mentre Sanchez per ora gioca poco e spera di cambiare la propria situazione nei prossimi mesi.

Previous articleNapoli primo ma non si placa la polemica: scontro sui social
Next articleSerie A, che polemica: “Non accettiamo la maleducazione!”