Bufera sul Pallone d’oro: “Se non vince è uno scandalo”

Il 29 novembre a Parigi al Théâtre du Châtelet verrà consegnato il Pallone d’oro. La corsa al trofeo più ambito da un singolo calciatore è serrata ma il pubblico ha fatto la propria scelta 

Si avvicina ad ampie falcate la data della consegna del prossimo Pallone d’oro che verrà proclamato a Parigi il 29 novembre. L’ultimo trionfatore è stato infatti Lionel Messi nel 2019, quando vinse per la sesta volta il premio individuale più ambito da ogni calciatore prima della stagione del Covid per la quale non fu assegnato il titolo. Si è chiacchierato moltissimo nelle ultime settimane sul papabile vincitore di quest’anno e si è spaziato su un gruppetto di 4/5 nomi, con la rosa che si sta restringendo.

Pallone d’oro © LaPresse

Inizialmente e per larghi tratti il favoritissimo è sembrato proprio Leo Messi per la vittoria della Copa America, seguito a distanza da Jorginho per Europeo e Champions. In molti alimentano il sogno Benzema, ma chi invece sembra mettere realmente tutti d’accordo è Robert Lewandowski, macchina da gol inarrestabile del Bayern Monaco.

LEGGI ANCHE >>> Cambio panchina in Serie A, scelta che spiazza: riecco Giampaolo

Corsa al Pallone d’oro: Lewandowski più di tutti | “Se non vince è uno scandalo”

Pallone d'oro Lewandowski scandalo
Lewandowski © LaPresse

I favoriti del momento sembrano proprio Lewandowski e Messi ma i tifosi hanno fatto chiaramente la propria scelta, definendo per larghi tratti uno ‘scandalo‘ una mancata consegna del premio al centravanti polacco.

LEGGI ANCHE >>> Pallone d’oro, polemica totale: “Vince lui? Una buffonata”

Candidati al Pallone d’Oro: Cristiano Ronaldo , Gerard Moreno, Phil Foden, Kylian Mbappé, Luis Suarez, Robert Lewandowsk, Jorginho, Mohamed Salah, Cesar Azpilicueta, Romelu Lukaku, Kevin De Bruyne, Neymar, Ruben Dias, Lautaro Martinez, Simon Kjaer, Lionel Messi, Bruno Fernandes, Pedri, Luka Modric, Giorgio Chiellini, Harry Kane, Gianluigi Donnarumma, Karim Benzema, Rahem Sterling, Nicolo Barella, Ryad Mahrez, Ngolo Kanté, Erling Haaland, Leonardo Bonucci and Mason Mount