Verstappen perde la pazienza: botta e risposta infuocato

Anche il campione del Mondo di Formula 1, Max Verstappen può perdere la pazienza. Il fenomeno olandese si è sfogato contro l’organizzazione della 24 ore di Le Mans virtuale. Pronta è arrivata la replica al fenomeno di casa Red Bull.

Un botta e risposta anche piuttosto netto e forte quello tra Max Verstappen e Ben Constanduros è uno dei commentatori e organizzatori della 24 ore di Le Mans virtuale, evento a cui aveva partecipato con voglia e passione anche il campione della Formula 1. Le cose però non sono andate per il verso giusto.

Botta e risposta contro Verstappen: arriva la replica 
Verstappen © LaPresse

Verstappen e la rabbia per la 24 virtuale di Le Mans

Max Verstappen ha vinto gli ultimi due titoli di Formula 1 ma non sazio ha voluto partecipare anche alla 24 ore di Le Mans virtuale. Il pilota olandese ne era al comando insieme ai suoi compagni Diogo Pinto, Luke Browning e Jeffrey Rietveld ma un problema di connessione ha fatto precipitare il team ad un ritardo di due giri. Arrivati alla terza discussione, Verstappen e soci hanno optato per il ritiro. Una situazione che ha portato ad un duro sfogo, poi diventato virale, da parte del fenomeno Red Bull su Twtich: “Che pagliacci, ci siamo preparati per due mesi per questa corsa e questo è il livello dell’organizzazione? Non parteciperò mai più e cancellerò subito il gioco, almeno libererò un po’ di spazio sul computer. Invito tutti a fare altrettanto. Non credo che una roba del genere possa essere chiamato un evento o una corsa, è uno scherzo, già in precedenza c’è stata una bandiera rossa per cercare di gestire problemi al server con i partecipanti che venivano improvvisamente buttati fuori dalla gara senza alcuna responsabilità”.

Botta e risposta contro Verstappen: arriva la replica

Botta e risposta contro Verstappen: arriva la replica 
Verstappen © LaPresse

Non è tardata quindi la risposta forte da parte di Ben Constanduros, uno dei commentatori e organizzatori dell’evento, che su Twitter ha sottolineato: “Se questo è uno show di clown, questo fa di me e dei miei colleghi e amici, che lavorano duramente, dei clown. Solitamente dopo un evento come questo  di una gara da 24 ore sono stanco, ma oggi è stata una brutta ed estenuante dimostrazione del lato tossico del Sim Racing e dei social media. Sono orgoglioso del lavoro che il team del Le Mans Virtual ha raggiunto sia oggi, che anche con i due eventi passati. Ricordiamoci che nel 2022 ha funzionato tutto senza problemi. Si, oggi non è andata a favore di Max, è stato sfortunato con i problemi di connessione, come pochi altri piloti, ma il resto è andato avanti senza problemi e ha vinto GTE. Queste sono le corse. Ma quando hai una posizione così influente sulle persone non è saggio dire queste cose e alimentare solo la negatività e l’odio verso il mondo del Sim Racing nel suo insieme danneggiandolo”.

Previous articleRihanna, posizione da togliere il fiato: con lo zoom ci si diverte
Next articleZaira Nara a bordo piscina: la lettura si fa infuocata