Home News Superlega, cancellate le big dalla classifica: caos scudetto

Superlega, cancellate le big dalla classifica: caos scudetto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:39
CONDIVIDI

La nascita della Superlega ha dato vita alle prime reazioni da parte degli addetti ai lavori. Il Betis in Spagna ha preso una forte decisione andando a cancellare dal proprio sito Real Madrid, Barcellona ed Atletico Madrid dalla classifica e dal calendario.

Superlega scudetto
Palloni © Getty Images

Superlega, dure reazioni dal mondo del calcio

Il comunicato della nascita della Superlega ha avuto un forte impatto sul mondo del calcio con le reazioni di tifosi, società ed addetti ai lavori che sono molto forti. Ci troviamo di fronte ad un momento storico del mondo del calcio. In queste ultime ore stanno arrivando le forti dichiarazioni da parte di Ceferin che ha attaccato in maniera dura Andrea Agnelli per l’atteggiamento avuto, minacciando club e giocatori che fanno parte delle squadre aderenti alla Superlega.

LEGGI ANCHE >>> SUPERLEGA, FUTURO RONALDO IN BILICO

Superlega, la scelta del Betis poi rivista

Chi ha avuto una reazione molto forte è il Betis di Siviglia con la squadra spagnola che ha deciso di escludere sul proprio sito Atletico Madrid, Real Madrid e Barcellona dalla classifica del campionato e dal calendario. Una decisione che ha portato infatti il Siviglia, cugini e rivali dei biancoverdi in prima posizione, il Villarreal secondo ed il Betis stesso terzo. Una decisa presa di posizione da parte della società spagnola che si è schierata in maniera decisa contro alla scelta di creare questa Superlega che rivoluzionerebbe lo sport più seguito al mondo.

LEGGI ANCHE >>> SUPERLEGA, LA MINACCIA DI CEFERIN

La decisione del club spagnolo è stata poi rivista. Al momento il club ha infatti inserito nuovamente la classifica con tutte le big al loro posto, così come nel calendario. La sensazione è che però ci troviamo di fronte ad una grande spaccatura che difficilmente sarà sanabile a stretto giro di posta. Ci aspettano giorni molto caldi sotto il punto di vista burocratico nel mondo del calcio. Il rischio di veder cancellato lo sport per come lo conosciamo è concreto.