Calciomercato Juventus, è già addio: 35 milioni

La Juventus punta a potenziare la squadra per il futuro, ma al contempo deve anche valutare il materiale attualmente in rosa. C’è chi come Arthur rischia l’addio.

La Juventus è ancora a caccia della quadra definitiva a centrocampo. La mediana infatti sia con Pirlo che con Allegri ha subito diversi restyling, senza mai trovare uno schieramento tattico definitivo ed uniforme. Tra i volti più deludenti c’è sicuramente quello di Arthur Melo, brasiliano arrivato dal Barcellona un anno e mezzo in un maxi scambio con Pjanic a fare il percorso inverno. Nessuno dei due però ha mai realmente convinto nelle rispettive realtà, tanto che il bosniaco ha già cambiato aria, e il brasiliano rischia di farlo presto.

Calciomercato Juventus, addio a 35 milioni
Logo Juventus

Anche con Allegri infatti Arthur non è riuscito a scaldare i cuori dei tifosi: troppi infortuni e qualche errore di troppo nel suo percorso a tinte bianconere.

LEGGI ANCHE >>> Eleonora Incardona si prende la scena alla ‘Scala’: lato A esplosivo – FOTO

Calciomercato Juventus, Arthur non brilla: piace al Siviglia, i dettagli

Arthur © LaPresse

Da Rodrigo Bentancur ad Adrien Rabiot, passando per lo stesso Arthur, non sono ritenuti degli intoccabili dalla Juventus che quindi valuta eventuali cessioni. In questo senso, secondo quanto sottolineato dal collega giornalista ed esperto di mercato, Rudy Galetti sul suo profilo Twitter, il Siviglia continua a pensare ad Arthur.

LEGGI ANCHE >>> Giorgia Rossi regina di coppe: occhio alla zip, il vestito è corto – FOTO

Secondo il giornalista l’ex dirigente della Roma, Monchi, vorrebbe finalizzare un’operazione in prestito, mentre il brasiliano e la società bianconera sono più orientati verso una soluzione definitiva con il ragazzo che ad oggi avrebbe una valutazione di circa 35 milioni di euro nelle menti della Juventus. Il futuro dell’ex Barça inizia quindi ad annebbiarsi sempre di più, e un suo addio nel prossimo futuro è tutt’altro che impronosticabile. 

Impostazioni privacy