Allegri demolito: nuovo annuncio di Adani

Non vince più la Juventus che è reduce da un punto nelle ultime tre partite. L’ultimo ko col Verona ha lasciato strascichi importanti e critiche feroci per Allegri. Adani torna a punzecchiare 

Due sconfitte di fila ed un solo punto nelle ultime tre giornate di Serie A: la Juventus di Massimiliano Allegri non sa più vincere ed anche dal punto di vista del gioco non ha espresso passi in avanti. La preoccupazione sale per la stagione dei bianconeri, al momento lontanissimi dalle posizioni di testa e che difficilmente sembrano ad oggi in grado di rientrare in corsa per il titolo.

Allegri Adani © LaPresse

Il ritiro inoltre è sintomo di come ci sia bisogno di ricompattare gruppo e idee per tornare presto al successo ed iniziare a trovare la quadra. Al netto dei risultati deficitari a preoccupare è anche e soprattutto un gioco che non decolla. Allegri finisce quindi di nuovo nel mirino della critica.

LEGGI ANCHE >>> Clamoroso a Sky, il volto storico dice addio: “Un viaggio bellissimo” – FOTO

Juventus, Allegri in difficoltà: interviene nuovamente Adani | “Ha bisogno di aiuto”

Allegri © LaPresse

La diatriba Allegri-Adani si arricchisce dunque di un nuovo capitolo. L’opinionista ed ex difensore negli studi di ’90esimo minuto’ ha sottolineato: “Ennesima debacle stagionale, Allegri ha bisogno di aiuto: chiamo in causa la società, l’area dirigenziale che deve stargli vicino. Lui deve avere un confronto adeguato continuo in una stagione dove non c’è niente che vada bene. Questo tipo di calcio va cambiato e rinnovato. È l’unica strada per provare a risalire verso l’obiettivo quarto posto, anche ora se mi sembra difficile. La Juve è ormai tagliata fuori dallo scudetto”.

LEGGI ANCHE >>> Juventus, così non va: anche la squadra contesta Allegri

Adani ha commentato anche le scelte della società: “Il ritiro deve essere momento per stare insieme ma anche lavorare sul campo: la Juve ha bisogno di stare insieme ora. Allegri ha un contratto forte, pesante e duraturo. Questo vuol dire che la società ha fiducia, e io sono d’accordo. La fiducia deve essere totale, ma ci deve essere un confronto. Allegri non ha fatto passi in avanti per quanto riguarda il suo pensiero calcistico ma il calcio è cambiato”.