Morte Vialli, il gesto in conferenza stampa fa commuovere tutti

Nella mattinata di oggi è scomparso Gianluca Vialli. Un lutto che ha colpito il mondo del calcio che ha sempre apprezzato le qualità tecniche del calciatore ma soprattutto quelle umane. Una persona di grande sensibilità che ha lasciato un grande ricordo sia dove ha giocato sia nelle squadre avversarie.

Dirigente della nazionale italiana, è stato un punto fermo della squadra azzurra nella spedizione in Inghilterra. Ha lasciato un ottimo ricordo anche in Inghilterra dove è stato apprezzato moltissimo sia per le sue capacità di giocatore ed allenatore che per il suo savoir-faire.

Morte Vialli, il gesto della Juventus
Vialli © LaPresse

La carriera di Vialli, vincente sia da calciatore che da allenatore

Il classe 1964 è stato un vincente sul campo sia da calciatore che da tecnico. La punta ha vinto lo storico scudetto con la Sampdoria nel 1991 con la quale è riuscito a vincere anche tre Coppa Italia. Il centravanti ha poi centrato la conquista della Champions League con la Juventus nel 1996. Da ricordare anche le due Coppe delle Coppe vinte con Sampdoria e Chelsea e la Coppa Uefa conquistata con la maglia della Juventus. Da allenatore contribuì in maniera decisiva al rilancio del Chelsea sia da calciatore che da allenatore portando il club a vincere i primi titoli come la FA Cup e la Coppa di Lega inglese. Da calciatore la sua avventura in nazionale non fu fortunatissima, ma il grande riscatto arrivò in occasione di Euro 2020 quando fu fondamentale per portare i ragazzi di Mancini alla vittoria finale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Juventus (@juventus)

Il gesto della Juventus nei confronti di Gianluca Vialli

Massimiliano Allegri ha poi ricordato personalmente l’ex centravanti di Juventus e Sampdoria: “Ha rappresentato tanto come giocatore e come uomo. Per i ragazzi più giovani è stato un esempio da seguire. Il mio ricordo personale è l’espressione di come interpretava le partite, non solo con tecnica ma anche con cuore e passione”. Prima dell’inizio della conferenza stampa è stato indetto un minuto di silenzio per ricordare l’ex attaccante bianconero. Giornalisti e staff bianconero si sono alzati in piedi mantenendo il silenzio per un minuto in ricordo di Vialli. Un momento molto toccante in ricordo di un calciatore ed una persona che ha dato molto al mondo Juve.

In queste ore sono molti i ricordi che stanno arrivando, sia dalle società nelle quali ha giocato sia da quelle contro le quali ha giocato per molti anni. Riconosciuto da tutti come avversario leale e molto forte, Vialli ha lasciato un enorme vuoto nel mondo del calcio e non solo.

Previous articleMorte Vialli: “Avversario leale e forte, che battaglie”
Next articleBerrettini, subito la sfida più grande: c’è un tabù da abbattere