Manchester United, finisce la telenovela Matic: accordo e firma

Dopo mesi di rumors e chiacchiere di mercato, finisce il tormentone Matic. Il calciatore serbo, in scadenza col Manchester United, ha trovato un accordo e firmerà un nuovo contratto.

Matic
Matic © Getty Images

Manchester United, finisce la telenovela Matic: accordo e firma

Adesso è davvero finita: Nemanja Matic, obiettivo di mercato di Juventus ed Inter, ha già deciso quale sarà il suo futuro calcistico. Il roccioso centrocampista serbo, in scadenza con il Manchester United, dopo mesi di trattative e chiacchiere di mercato, ha rotto gli indugi ed apposto la firma su quello che sarà il suo nuovo contratto.

Leggi anche >>> RONALDO-JUVENTUS, PAZZA IDEA DEL CLUB BIANCONERO: IN ARRIVO LA FIRMA?

Matic Juventus
Matic © Getty Images

Nessun trasferimento a parametro zero e nessun addio al Manchester United. Come svelato da Goal.com, il club britannico ha deciso di attivare l’opzione presente nel contratto del calciatore, rinnovando così in maniera automatica per un altro anno l’impegno contrattuale del calciatore ex Chelsea. La notizia era nell’aria già da diverse settimane ed era stata anticipata dalle dichiarazioni del tecnico dei Red Devils, Ole Gunnar Solskjaer.

Leggi anche>>> INTER, E’ ROTTURA CON LA NIKE? C’E’ UN’OFFERTA MONSTRE SUL TAVOLO

Solskjaer © Getty Images

“Siamo d’accordo con Nemanja, non c’è bisogno di nasconderlo – aveva detto il tecnico norvegese – resterà al 100%”. Juventus ed Inter resteranno dunque a bocca asciutta: l’obiettivo di mercato a parametro zero, conteso da Fabio Paratici e Beppe Marotta, non si sposterà dalla Premier League nemmeno la prossima estate. A questo punto i due club dovranno rivolgersi altrove per rinforzare la propria linea mediana. Con Matic ormai deciso nel rimanere ad Old Trafford, bisognerà guardarsi intorno per trovare un altro centrocampista che possa fare al caso di Maurizio Sarri ed Antonio Conte.

Previous articleBrescia, non convocato dalla nazionale: giocherà per il Venezuela?
Next articleEuro 2020, tutto deciso: manca l’ufficialità, rinvio al 2021