Esonero Pioli: sembrava impossibile, ma ora…

Sembrava impossibile fino ad un paio di mesi fa pensare all’esonero di Stefano Pioli in casa Milan ma ora la situazione si sta facendo sempre più difficile per i rossoneri. Nel caso in cui dovesse saltare l’accesso alla Champions League è possibile che il tecnico non venga confermato.

Esonero Pioli
Pioli © Getty Images

Esonero Pioli, situazione difficile per il tecnico

La netta sconfitta per 3-0 subita contro la Lazio fa crollare definitivamente il Milan che ora vede a serio rischio l’ingresso alla prossima Champions League. I rossoneri condividono con Napoli e Juventus il terzo posto in classifica e la Lazio si avvicina pericolosamente. Ora il club meneghino ha bisogno di un finale di stagione di alto livello per chiudere tra le prime quattro ma il calendario non aiuta gli uomini di Pioli. Proprio la posizione del tecnico sembra essere a rischio se non dovesse arrivare l’accesso alla prossima massima manifestazione continentale.

LEGGI ANCHE >>> LAZIO-MILAN, VOTI E HIGHLIGHTS

Milan, Pioli rischia il posto

Da Milanello hanno sempre fatto filtrare che, anche in caso di mancato accesso alla Champions League ci sarebbe stata la conferma di Stefano Pioli alla guida della squadra. Vero però che la delusione sarebbe molta considerato il fatto che i rossoneri avevano chiuso il girone d’andata in testa alla classifica per poi crollare nella seconda parte. La squadra ed il club rimarranno concentrati in questo finale di stagione per provare a centrare l’obiettivo per poi tirare le somme a fine campionato ma la posizione dell’allenatore non appare così salda come prima.

LEGGI ANCHE >>> PANCHINA MILAN, LA SCELTA

Non ci sono al momento nomi per l’eventuale sostituzione dell’ex allenatore di Inter e Fiorentina con la società che vorrà tenere tutto il gruppo unito alla ricerca della conquista di quei punti necessari per la qualificazione alla Champions League.

Previous articleLazio-Milan Voti | Highlights | Pagelle | Tabellino – VIDEO
Next articleLazio-Milan, Pioli duro in tv: che attacco