Home News Clamoroso Juventus, ‘vendetta’ dalla UEFA

Clamoroso Juventus, ‘vendetta’ dalla UEFA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:20
CONDIVIDI

Non si placano le polemiche che hanno fatto, e stanno tuttora facendo, seguito alla creazione della Superlega. Solo Real, Juventus e Barcellona non si sono tirate indietro dal progetto e ora la Uefa prepara una ‘vendetta’ contro i club dissidenti.

Calciomercato Juventus, addio ad un big a Giugno: ecco la nuova squadra
Andrea Agnelli. © Getty Images

La Superlega ha creato scandalo nelle ore immediatamente successive la sua nascita, ma continua ad esserci grande caos per tutti gli sviluppi di questa controversa vicenda. Cosa sta succedendo in ambìto europeo dopo che all’interno del progetto sono rimaste solamente Barcellona, Real Madrid e Juventus? Quali provvedimenti prenderà la Uefa contro i club dissidenti che non vogliono staccarsi da questo piano secessionista?

Se in Italia Gravina ha sostenuto che la Juventus potrebbe anche essere esclusa dalla Serie A se non dovesse fare un passo indietro, anche a livello europeo la situazione è di quelle a dir poco tese. Come confermano dalla Spagna, infatti, la Uefa starebbe preparando sanzioni durissime. Con Ceferin che colpirebbe duro Juve, Real e Barcellona.

Leggi anche–> Juve, le ultime di mercato

Juventus fuori da competizioni Uefa?

Superlega, l'Uefa oggi si esprime sui club dissidenti: ecco gli scenari
Florentino Perez e Aleksander Ceferin. © Getty Images

Dalla Spagna arriva la clamorosa indiscrezione. A lanciarla è il direttore della testata Ok Diario Edoardo Inda, che afferma come Ceferin voglia proseguire nella sua intenzione di punire severamente e squadre dissidenti.

Inda anticipa quello che potrebbe succedere a stretto giro: “La UEFA aprirà un fascicolo sanzionatorio per l’espulsione di Real Madrid, Barcellona e Juventus dalle competizioni continentali”. Il che significherebbe che i tre club rimarrebbero fuori dalla Champions League e, eventualmente i bianconeri, dalla prossima Europa League. A meno che, come più volte specificato da Ceferin, i ‘traditori’ della Uefa non decidano di fare un passo indietro e scusarsi per il loro comportamento. Aggiornamenti importanti su questo fronte sono quindi attesi nelle prossime settimane.