Juventus, ora è caos: via alla grande fuga, ecco chi se ne va

La Juventus di domani potrebbe essere profondamente diversa: penalizzazione ed esclusione dall’Europa scatenano l’addio di tutti i big

Juventus colpita duramente dalla giustizia sportiva, con un verdetto, quello della Corte d’Appello federale, relativo al caso plusvalenze, che forse in pochi si attendevano così duro. Invece, i bianconeri si ritrovano con una penalizzazione di 15 punti in classifica che apre scenari inquietanti per il club.

Juventus, via alla grande fuga: scappano tutti i big
Dusan Vlahovic © LaPresse

Juventus, strada in salita dopo la penalizzazione: rivoluzione totale in vista

Addirittura, si tendeva a ritenere, nell’ambiente e tra gli addetti ai lavori, che i maggiori rischi la Juventus li corresse relativamente alla manovra stipendi. E quello è un fronte che dal punto di vista processuale non è ancora stato aperto e che potrebbe finire con l’inguaiare ancor di più i bianconeri. Per non parlare di eventuali decisioni da parte dell’Uefa, sulla possibile esclusione dalle coppe europee, a prescindere dalla classifica, per un anno, o forse anche di più. Una Juventus fuori dall’Europa avrebbe ulteriori ripercussioni su una situazione finanziaria e societaria già delicata. Inevitabile chiedersi che cosa accadrà al parco giocatori, che rischia di venire notevolmente ridimensionato dalla tempesta. Più di qualche big, allo stato attuale, probabilmente dirà addio.

Juventus, cosa succede ai big: Vlahovic, Chiesa, Pogba, Rabiot, chi con la valigia e chi resta

Juventus, via alla grande fuga: scappano tutti i big
Paul Pogba © LaPresse

Innanzitutto, a queste condizioni appare scontato l’addio di Adrien Rabiot. Il rinnovo del francese, richieste alla mano, era già difficile prima. Una Juve senza Europa non solo non potrebbe più permettersi il suo ingaggio, ma non avrebbe più appeal.

Problema ingaggio che peserebbe notevolmente anche sul futuro di Paul Pogba. Il francese è un altro indiziato a salutare, provando, laddove possibile, non solo a risparmiare sul suo ingaggio, ma anche a monetizzare (ma dipenderà dal suo ritorno in campo e a quali livelli). Attenzione anche a Dusan Vlahovic, in questo momento l’asset principale per guadagnare da una eventuale cessione, con un costo del cartellino che potrebbe far ricavare anche fino a 100 milioni. Per Pogba e Vlahovic, difficile immaginare un addio a stagione in corso, niente smobilitazione. Discorso diverso per Rabiot, per il quale si potrebbe provare a monetizzare subito, e per McKennie, anche se l’americano finora ha respinto tutte le proposte. I due potrebbero partire a gennaio. E Federico Chiesa? L’attaccante azzurro, verosimilmente, potrebbe rimanere per riconoscenza nei confronti dell’ambiente bianconero ed essere pietra angolare da cui far partire la ricostruzione e il nuovo ciclo.

Previous articleEva Padlock, posa in perizoma perfetta: cos’altro dire
Next articleStai attenta Atalanta, stanno per soffiarti Hojlund: sfiderà il campione