Calciomercato Inter, clamoroso per gennaio: triplo scambio

L’Inter si prepara ad affrontare una sessione di calciomercato importante: già abbozzato un triplo scambio clamoroso per gennaio.

Inter Parma streaming
I giocatori dell’Inter / Getty Images

In casa Inter sono già iniziati i grandi lavori in vista del calciomercato di gennaio. Beppe MarottaPiero Ausilio, per cercare di accontentare Antonio Conte ed allestire una squadra che possa puntare dritta allo scudetto, stanno per mettere in piedi uno scambio di mercato insieme a Napoli e Paris Saint Germain che possa rendere tutti felici ed accrescere, simultaneamente, il valore delle 3 squadre.

Come raccontato dalla Gazzetta dello Sport, pur di portare alla Pinetina i calciatori richiesti da Conte, l’Inter pare pronta a compiere alcuni importanti sacrifici tecnici.

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>>Calciomercato Inter, che colpaccio: a zero dal Liverpool

Scambio clamoroso nel calciomercato di gennaio: ecco l’operazione di Napoli, Inter e PSG

Christian Eriksen
Christian Eriksen dell’Inter / Getty Images

Due scambi, distinti e separati, con ben 4 calciatori in ballo: con il Paris Saint Germain, l’Inter starebbe trattando per l’affare Eriksen-Paredes, mentre con il Napoli i nerazzurri puntano a formalizzare lo scambio Vecino-Milik.

A livello economico, entrambi gli affari permetterebbero a tutti i club di racimolare delle importanti plusvalenze; a livello tecnico, invece, le tre squadre potrebbero portare in rosa tre calciatori che probabilmente, risultano più vicini alle idee di gioco dei rispettivi tecnici.

L’Inter acquisirebbe così un ulteriore centrocampista dal PSG per completare il reparto, cedendo allo stesso momento Eriksen da tempo avulso rispetto alla rosa, ed il tanto anelato vice Lukaku dal Napoli.

L’affare si farà? In questo pazzo calciomercato dell’era Covid non pare affatto impossibile…

POTRESTI LEGGERE ANCHE >>>Belotti Inter, la trattativa parte sul serio: obiettivo 2021

Previous articleLucia Javorcekova è esagerata, il mini bikini non la contiene
Next articleGli Shoot-Out: la rivoluzione dei rigori, ormai dimenticata