Juventus, non solo la penalizzazione: rischio squalifiche

La Juventus prepara la ripartenza, ma pendono sui bianconeri possibili squalifiche oltre alla penalizzazione: ecco chi rischia

Juventus al lavoro su vari fronti, in questi giorni, per un 2023 che si annuncia delicato e molto importante. Bianconeri chiamati a elaborare strategie in campo e sul mercato per essere protagonisti a gennaio e non solo e che, nel nuovo anno, vedranno anche nascere il nuovo ciclo, con la dirigenza pronta a insediarsi dopo le dimissioni del CDA di fine novembre che hanno segnato l’addio di Andrea Agnelli e non solo.

Juventus, non solo la penalizzazione: rischio squalifiche
Massimiliano Allegri © LaPresse

Juventus, lunedì il nuovo CDA: sullo sfondo, l’attesa per i verdetti della giustizia ordinaria e sportiva

Sono le vicende extra campo, inevitabilmente, a tenere banco mentre Allegri allena la sua squadra alla Continassa dividendosi tra infortuni e rientri dei giocatori impegnati ai Mondiali, per avere la sua rosa il più possibile pronta per la ripartenza del campionato prevista per il 4 gennaio. Lunedì, nel giorno di Santo Stefano, saranno comunicati, oltre a quello del nuovo presidente Gianluca Ferrero e del nuovo direttore generale Maurizio Scanavino, anche gli altri nomi del nuovo CDA, che si insedierà a partire dal 18 gennaio. Martedì ci sarà poi l’assemblea degli azionisti per la nuova approvazione del bilancio. Intanto, la Juventus attende i verdetti della giustizia ordinaria e sportiva per le varie questioni che tengono in bilico il club e per le quali occorrerà un po’ di tempo per fare chiarezza. E se i tempi della giustizia ordinaria potrebbero dilatarsi molto, per quelli della giustizia sportiva i verdetti arriveranno in primavera. Difficile che il club rischi qualcosa sul fronte delle plusvalenze, mentre, come noto, appare più delicato quello della manovra stipendi.

Juventus, il doppio rischio: penalità in classifica e squalifiche dei calciatori

Juventus, non solo la penalizzazione: rischio squalifiche
Massimiliano Allegri © LaPresse

Tra i rischi per la società piemontese, oltre a quello di una forte multa, in caso di deferimento della Procura federale ci sarebbero anche quello di una penalizzazione di uno o più punti in classifica, ma non soltanto. Dirigenti e giocatori coinvolti potrebbero anche andare incontro a delle squalifiche, se venissero accertate delle irregolarità.

Dato che i fatti risalgono alla stagione 2019-2020, potrebbero incorrere in una squalifica giocatori della rosa bianconera di allora e che fanno ancora parte della squadra. Nello specifico, si tratta di Szczesny, Perin, Pinsoglio, Bonucci, Rugani, De Sciglio, Alex Sandro, Danilo, Cuadrado e Rabiot. Le decisioni in merito della giustizia sportiva passeranno attraverso due gradi di giudizio e potrebbero essere definitive tra aprile e maggio.

Previous articlePaola Di Benedetto, questa minigonna è ai limiti della legalità
Next articleCecilia Rodriguez da’ le spalle, gonna e lato B super