Ha già stregato Pioli: contro il Monza partirà titolare

Pioli ha già deciso e le gerarchie si ribaltano: il calciatore lo ha convinto e si prenderà un posto da titolare nel prossimo match.

La macchina Milan continua a funzionare alla perfezione, a non mostrare crepe e a far leva su una organizzazione praticamente impeccabile.

Pioli Milan
Stefano Pioli (LaPresse)

Il sistema messo in piedi da Maldini si basa su tre colonne portanti, ognuna con un compito ben preciso che a giudicare dalle risposte del campo è svolto in maniera egregia. Massara ha il compito di scoprire giovani talenti in giro per il mondo, di accatastare i dossier sulla scrivania di Maldini che inizia la sua opera di convincimento. La strategia prevede che tutte le pedine siano importanti in campo, e chiaramente che possano poi trasformarsi in elementi che sul mercato, in caso di cessione, possano portare in cassa guadagni importanti e plusvalenze rilevanti.

A questo ci pensa Stefano Pioli, che in attesa del rinnovo continua a vincere, convincendo e lanciando giovani che nel suo Milan diventano immediatamente protagonisti. Ecco quindi che una nuova giovane promessa si è affacciata alla Serie A, e lo ha fatto con determinazione. Ha mostrato classe e la voglia di mettersi in mostra, dimostrando all’allenatore di meritare fiducia.

Pioli pronto a lanciarlo: contro il Monza sarà in campo

Stefano Pioli
Stefano Pioli (LaPresse)

Non c’è solo l’emergenza a spingere Pioli a lanciare i suoi giovani. Il tecnico lo fa costantemente. Ha l’ok della società che preferisce rischiare pur di avere una rosa basata sulla linea verde, e negli ultimi anni ha contribuito ad alzare il valore dei suoi calciatori facendo crescere molti talenti che hanno trovato spazio e continuano a farlo. Ecco quindi che dopo avergli concesso uno scampolo di partita contro il Verona, Pioli è pronto a lanciare dal primo minuto Malick Thiaw.

Il Milan non lo ha scelto per caso. Il suo innesto è infatti mirato ad inserire un centrale alto e possente per le situazioni più delicate, ma a giudicare del match con il Verona, il tedesco nato a Dusseldorf, alto 194 centimetri, è molto di più. Forza qualità, grande freddezza nelle chiusure. Il risultato è nei complimenti dei compagni, ma anche nei voti dei grandi quotidiani.

La Gazzetta dello Sport lo ha premiato con un bel 7 in pagella, ed è meritatissimo alla luce di quanto visto contro gli scaligeri. Pioli quindi ha già scelto. Thiaw prenderà il posto di Gabbia dal primo minuto nella partita casalinga contro il Monza. Se supererà l’impatto di San Siro, vorrà dire che Maldini e Massara hanno fatto di nuovo centro, e che Pioli resta uno dei migliori allenatori nella valorizzazione dei giovani.

Previous articleNuova squadra a sorpresa: vogliono Kvaratskhelia
Next articleUrsula Corbero, top di ‘Tokyo’ inesistente: lo zoom è obbligatorio