Berrettini-Sinner, c’è un vincitore: “Ecco chi è il più forte”

Matteo Berrettini e Jannik Sinner puntano a grandi traguardi, tra i due c’è chi ha un’idea precisa su chi sia il più forte

Il 2022 non è stato fortunatissimo per Matteo Berrettini e Jannik Sinner, frenati da infortuni e da qualche evento sfavorevole. I due tennisti azzurri hanno comunque confermato tutto il loro potenziale con sprazzi di grande gioco e grandi doti tecniche e in questo 2023 vanno a caccia del riscatto. Che significa caccia alla top ten della classifica mondiale e di un posto nelle Atp Finals di Torino, impresa che era riuscita loro nel 2021.

Berrettini-Sinner, c'è un vincitore: "Ecco chi è il più forte"
Matteo Berrettini e Jannik Sinner © LaPresse

Berrettini e Sinner, grandi ambizioni nel 2023: si parte subito forte

Per entrambi, il primo obiettivo stagionale è far bene agli Australian Open, dove un anno fa avevano ottenuto ottimi risultati. Berrettini era giunto fino alla semifinale, per la terza volta in carriera in una prova del Grande Slam, mentre Sinner era giunto fino ai quarti. Il tennista romano sembra partito in quarta, con due affermazioni di prestigio nella United Cup contro Hubert Hurkacz e Casper Ruud, rivali diretti per un posto tra i primi del mondo. Sinner può far bene nel torneo di Adelaide e conquistare subito punti preziosi, per prepararsi a sua volta al meglio. Il sogno, per tutti è due, è quello di vincere qualche torneo di prestigio, magari proprio una prova dello Slam, prima o poi. E chissà che non possano riuscirci già quest’anno o comunque in futuro.

Berrettini-Sinner, Panatta dice la sua: “Sinner verrà fuori, ha i numeri per grandi traguardi”

Berrettini-Sinner, c'è un vincitore: "Ecco chi è il più forte"
Adriano Panatta © LaPresse

Sul confronto tra i due si esprime Adriano Panatta, leggenda del tennis italiano. Ex numero 4 della classifica mondiale, vincitore nel 1976 di un Roland Garros e della Coppa Davis con l’Italia, in una intervista a ‘OASport’ si dice certo che alla lunga il futuro sarà di Jannik Sinner.

“Andarsi a prendere il successo in un Major ora come ora è difficile, ma è un obiettivo che si può centrare – ha spiegato Panatta – Per me Berrettini è quello che ha più chance di vincerlo in tempi brevi, come ha dimostrato con la sua prestazione a Wimbledon nel 2021 quando arrivò in finale. A lungo termine, però, credo che verrà fuori Sinner. A livello fisico è ancora un po’ indietro rispetto ai suoi rivali più accreditati, ma può raggiungere grandi traguardi. Il tennis più vicino ai miei canoni in realtà è quello di Musetti, ma deve diventare un po’ più concreto e specchiarsi di meno. La Coppa Davis? Rispetto ai miei tempi è un’altra cosa, ma l’Italia ha tutto per vincere. I singolaristi sono giovani, possono ancora crescere e in futuro la squadra potrà imporsi”.

Previous articleAnnalisa, calze e tacchi in bella vista: la cantante lascia di stucco
Next articleIvana Knoll, perizoma e poco più: il bikini è microscopico