Home News Diritti tv mondiali Qatar 2022: assegnazione a sorpresa

Diritti tv mondiali Qatar 2022: assegnazione a sorpresa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:53
CONDIVIDI

Arriva la notizia dell’assegnazione dei diritti TV dei prossimi Mondiali di Qatar 2022: scopriamo chi se li è accaparrati e a quale cifra.

Mondiali Qatar 2022 ©Getty Images

Manca oltre un anno e mezzo alla partita inaugurale dei Mondiali di Qatar 2022, che si terrà il 22 novembre nella città di Al Khor, e che per la prima volta nella storia del calcio si svolgeranno in periodo autunnale. Le qualificazioni alla suddetta competizione stanno proseguendo, e le varie nazionali nei prossimi mesi si giocheranno l’accesso al massimo torneo calcistico a livello mondiale.

Come per ogni edizione del torneo, le varie emittenti televisive nazionali devono accordarsi con la FIFA per ottenere i diritti TV per poter trasmettere sui propri canali le partite della competizione. È di pochi minuti fa la notizia dell’assegnazione dei suddetti diritti, che vi andremo a esporre nel dettaglio.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Inter: due rinforzi scudetto per Conte

LEGGI ANCHE >>> Juventus, il piano per arrivare a Pogba: cessioni illustri

Qatar 2022: i diritti TV a RAI e Amazon Prime

Il logo dei mondiali del Qatar (Getty Images)

Secondo quanto ribadito dal ben informato profilo Sport Insider, i diritti televisivi per il suolo italiano sarebbe andati all’emittente italiana RAI e al colosso americano Amazon. La cifra non è stata ancora resa nota, ma le indiscrezioni di marzo parlano di una cifra complessiva sui 180 milioni di euro che finiranno nelle casse della FIFA. 130 di questi sarebbero pervenuti dalla RAI, che si sarebbe aggiudicata il pacchetto B1, comprensivo di 28 partite (semifinali e finale incluse), con diritto di prima scelta.

Amazon Prime Video dal canto suo si sarebbe invece aggiudicata il pacchetto B2 per 50 milioni di euro, che a sua volta includerebbe le rimanenti 36 partite (39 in totale, comprese semifinali e finale) non scelte dalla televisione pubblica italiana. È quindi un successo, seppur annunciato, per Amazon, e un’altra disfatta per Sky, che dopo essersi fatta soffiare i diritti per il prossimo triennio di Serie A (2021-24) da DAZN e da Prime Video, è ora costretta anche a rinunciare alla trasmissione del più importante torneo calcistico su scala mondiale.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da FIFA World Cup (@fifaworldcup)