Home News Emergenza coronavirus in Serie A, nuovo positivo?

Emergenza coronavirus in Serie A, nuovo positivo?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:38
CONDIVIDI

Emergenza coronavirus in Serie A, nuovo positivo. Una squadra ha registrato due casi nelle ultime ore.

Una big di serie A rischia grosso, campionato in tilt
Calcio, Serie A © Getty Images

Emergenza coronavirus in Serie A, nuovo positivo

LA SPEZIA – Giulio Maggiore sarebbe positivo (per la seconda volta) al coronavirus. Come riportato da Gianluca Di Marzio, il tampone avrebbe confermato la contrazione del Covid-19. Il centrocampista, quindi, non sarà a disposizione per la sfida casalinga contro lo Spezia.

Con lui assente anche il portiere Ivan Provedel (anche lui positivo) e un membro dello staff. La partita, al momento, non sembra essere a rischio. Nelle prossime ore i giocatori si sottoporranno a un nuovo giro di tamponi per valutare la possibile presenza di un focolaio in casa Spezia.

LEGGI ANCHE —> Juventus, UFFICIALE: un positivo al coronavirus tra i bianconeri!

Secondo contagio per Giulio Maggiore

Seconda positività per Giulio Maggiore al coronavirus. La prima volta il tampone aveva dato esito positivo il 17 ottobre ed ora, a cinque mesi di distanza, una nuova contrazione del Covid-19.

Una situazione non semplice da gestire, ma non sembrano esserci particolari allarmi. La protezione dei guariti, infatti dura massimo sei mesi e questa leggera positività potrebbe essere anche dovuta proprio a questa mancanza di anticorpi alle varianti. Nei prossimi giorni sarà effettuato il sequenziamento per valutare la possibilità di una variante. Lo Spezia nei prossimi giorni si sottoporrà a tutti i controlli del caso per valutare anche la possibilità di ulteriori casi.

LEGGI ANCHE —> UFFICIALE nuovo caso di positività al Coronavirus in Serie A

Una situazione che ha portato Gravina e anche molti virologi a chiedere la vaccinazione degli atleti. Una richiesta arrivata anche da Paolo Barelli in vista delle Olimpiadi. Difficile approfondire il discorso in questo momento anche per la mancanza di dosi, ma nelle prossime settimane possibile un incontro con i rispettivi sindacati per fare il punto della situazione e cercare di trovare una soluzione.