Home Calciomercato Calciomercato, la leggenda si ritira: “È arrivato il momento di dire addio”

Calciomercato, la leggenda si ritira: “È arrivato il momento di dire addio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:59
CONDIVIDI

Si conclude oggi la lunga e vincente carriera di Iker Casillas, leggenda del calcio spagnolo. L’ormai ex portiere ha lasciato il calcio con una lunga lettera 

Casillas
Casillas Getty Images

Termina all’età di 39 anni la lunga e gloriosa carriera nel mondo del calcio di Iker Casillas, autentica leggenda del calcio spagnolo che ha vestito per 16 stagioni la maglia del Real Madrid, giocando 725 partite e vincendo 5 campionati, 4 Supercoppe di Spagna, 2 Coppe di Spagna, 3 Champions League, 2 Supercoppe Uefa, una Coppa Intercontinentale, una Coppa del mondo per club prima di andare a concludere la propria avventura con la casacca del Porto. A questi si aggiungono inoltre i prestigiosi riconoscimenti con la nazionale guidata da leader assoluto ai successi agli Europei del 2008 e del 2012 e al Mondiale del 2010.

LEGGI ANCHE >>> Calciomercato Serie A, in tre sull’attaccante del Real Madrid

Calciomercato, Casillas si ritira: la lunga lettera d’addio

Iker Casillas ha annunciato il ritiro dal calcio professionistico con un messaggio sui social: “L’importante è il percorso che fai e la gente che ti accompagna, non la destinazione a cui ti porta, perché questo arriva solo con lavoro e sforzo. Credo che posso dire, senza dubbio, che è stato il cammino e il destino sognato”.

LEGGI ANCHE >>> Real Madrid, decisione drastica: messo sul mercato

A questo ha poi allegato una lunga lettera d’addio. Eccone uno stralcio: “Ciao a tutti. Oggi è uno dei giorni più importanti e per certi versi difficili della mia vita sportiva. E’ arrivato il momento di dire addio. Il mio percorso nel mondo del calcio è iniziato 30 anni fa, è stato lungo e, come ogni cammino, ha avuto momento buoni e altri meno buoni, gioie e dolori. In questo momento della mia vita, a posteriori, posso dire senza dubbio che ne è valsa la pena. Ho avuto la grande fortuna di potermi dedicare professionalmente a ciò che mi appassiona e mi rende felice: IL CALCIO… A guardami indietro, mi rendo conto di quanto sia stato fortunato per quanto ottenuto e non mi riferisco solo ai titoli, ma all’aspetto umano. Oggi è un giorno difficile, ma non triste. Mi considero fortunato ad essere arrivato sin qui e per quello che ho ottenuto…sono felice. Non voglio terminare senza dire grazie a chi mi ha accompagnato in questo viaggio: alla mia famiglia, per i sacrifici che hanno fatto affinché potessi arrivare dove sono arrivato e che mi hanno permesso di realizzare i miei desideri. Voi avete partecipato a tutto ciò che ho ottenuto durante la mia carriera”. La lettera prosegue poi con una lunga serie di ringraziamenti a club, compagni, presidenti, tifosi, amici, avversari e a tutti quelli che hanno lavorato con lui.

Infine: “Però, soprattutto, grazie al calcio, per avermi permesso di essere parte di esso, per essere in uno sport meraviglioso, per avermi permesso di vivere una vita piena di passioni ed emozioni, per darmi momenti di felicità, per farmi crescere come sportivo e come persona, per avermi data la possibilità di condividere momenti con tante persone incredibili. In definitiva, GRAZIE PER TUTTO”.